fbpx
sabato 30 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

“Rapporti più vicini tra nazioni”: Renzi bloccato in ascensore col premier del Kazakistan

EXPUH! | 28 Giugno 2015

EXPUH2015

L’efficienza di Expo ieri ha raggiunto un altro primato. Il premier italiano Matteo Renzi e il presidente della Repubblica del Kazakistan Nursultan Nazarbayev sono rimasti chiusi in ascensore, per diversi minuti, dentro Palazzo Italia.

A liberarli i vigili del fuoco, in presidio costante dentro Expo, che sono intervenuti armati di ascia per evitare che l’intoppo si trasformasse in un vero incidente diplomatico.

L’ episodio è caduto verso le 14 di ieri, 27 giugno, proprio al termine del business forum italo-kazako in cui grandi aziende dei due Paesi hanno siglato contratti commerciali per 600 milioni di dollari.

A confermare quanto accaduto, scherzandoci su non si capisce con quale faccia tosta, anche il commissario unico di Expo 2015 Giuseppe Sala: “Come succede nelle case di ognuno di noi, ogni tanto gli ascensori si bloccano. E noi abbiamo avuto la fortuna che si sia bloccato proprio con Renzi e Nazarbaev dentro. È il bello della diretta”.

E pure Renzi, invece di capire come sono stati buttati nel wc milioni di euro di soli pubblici, ci ha scherzato sopra: “Abbiamo stretto i rapporti con il Kazakistan…”, ha detto, un paio d’ore dopo l’episodio.

Che dire? Expuh….

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 28 Giugno 2015 e modificato l'ultima volta il 28 Giugno 2015

Articoli correlati

EXPUH! | 6 Luglio 2016

Expo, 11 arresti per appalti truccati. Coinvolta la Dominus Scarl, società con sede legale a Milano

Agroalimentare | 21 Agosto 2015

E no caro Cannavacciuolo: l’Expo “goloso come un babà” è un’offesa al babà

EXPUH! | 13 Luglio 2015

Il Pd usa i padiglioni di Expo per l’assemblea nazionale. E candida Sala a sindaco di Milano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi