giovedì 27 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

RAZZISMO AL DON BOSCO

Ciro Corona: “Con un piccolo migrante col braccio rotto ci hanno cacciato dall’ospedale”

Sanità | 6 Agosto 2017

Razzismo all’ospedale Don Bosco? Da quanto racconta Ciro Corona, di Resistenza Anticamorra, parrebbe di si. E non sarebbe la prima volta. A parte esperienze già raccontate dallo stesso Corona, anche l’Atn, Associazione Transessuale Napoli, in passato denunciò episodi di discriminazione.
“Ancora una volta l’ospedale Don Bosco caccia uno dei migranti fuori dall’ospedale – racconta Ciro sulla sua pagina fb – L’infermiere di turno con la complicità delle guardie giurate (le stesse che indossarono la mascherina la volta scorsa) ci mettono fuori la porta nonostante il ragazzo abbia un braccio rotto e si rifiutano di darmi il codice identificativo dell’infermiere….il 112 non risponde”.

Ciro e il ragazzo dunque sono costretti ad andar via, per recarsi all’Ospedale Cardarelli. “Alla fine all’Ospedale Cardarelli in meno di mezz’ora hanno visitato e ingessato il piccolo boy” racconta ancora Corona che annuncia che domani scriverà al direttore generale del Don Bosco una lettera aperta, chiedendo ad amici della stampa di dare voce all’accaduto.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 6 Agosto 2017 e modificato l'ultima volta il 6 Agosto 2017

Articoli correlati

Abruzzo | 23 Maggio 2019

IN ABRUZZO

Asl Pescara, problemi al servizio di prevenzione per lo spostamento di personale

Campania | 28 Luglio 2018

DOPO L’ISPEZIONE DEL MINISTERO AL MONALDI

Ancora una denuncia di Dafne Palmieri: mentre due medici litigano, il centro dei trapianti muore

Abruzzo | 5 Giugno 2018

SALMONELLA A PESCARA

Centinaia di bimbi intossicati per la mensa comunale, ma l’amministrazione si autoassolve

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi