fbpx
mercoledì 2 dicembre 2020
Logo Identità Insorgenti

RAZZISMO DA STADIO

Orgogliosi di essere “stranieri” se l’Italia è rappresentata dai leghisti come Pini

Razzismo, Sport | 5 Gennaio 2018

Il Napoli è fuori dalla coppa Italia.
A decretarne l’uscita un’arcigna Atalanta che ci ha creduto veramente.
Ma lo spettacolo, più che in campo, è stato fuori dal campo.

Prima nel settore ospiti, dove alcuni supporter bergamaschi ci hanno portato la loro lezione di storia, noi che ne abbiamo bisogno, inneggiando a Cesare Lombroso, noto per essere stato medico, antropologo, filosofo ma soprattutto il più grande cazzologo dell’800, con le sue teorie sull’inferiorità meridionale rivelatesi attendibili quanto la teoria sulla terra piatta o del sole che ci gira intorno. Ma il top dell’eleganza spetta a Gianluca Pini, Deputato Leghista. https://www.facebook.com/onpini.g, Parlamentare della Repubblica Italiana.

“Che soddisfazione vedere gli amici bergamaschi vincere all’estero”, scrive.
E speriamo che non l’abbia letto Salvini, così impegnato a unificare i voti d’Italia.Ma Pini non lo trattieni, è da sempre stato uno tosto.Uno che nel 1997 con la camicia verde andò in spiaggia a Cesenatico. Era di “ronda”.
Troppi extracomunitari in giro; Casino, urla, poi arriva la polizia e Pini oltraggia le forze dell’ordine.
Viene denunciato ma lui non ci sta:”Denunciano me anzichè i clandestini, io che PAGO LE TASSE”
https://imgur.com/BFbhzf7

Uno che nel 2010 si indignò quando scoprì che un collega si faceva pagare le multe stradali dal partito: “ IO LE MULTE LE PAGO DI TASCA MIA” l’allora segretario della Lega in romagna.
https://imgur.com/yV4zqzi

Uno di quelli che la legge la rispetta.

Infatti quando nel 2006 lo convoca la guardia di Finanza perché in un’azienda produttrice di fatture false ne trovano una di 215000€ intestata a una sua società lui rinvia per “impegni politici”.

Si presenterà un anno dopo mostrando una denuncia per furto della contabilità aziendale, e dato che in Italia è reato solo “l’uso” di una fattura falsa, tutto bene.

http://www.infonodo.org/node/30237

Ma l’amore per la legge, continua, e appena viene varato lo scudo fiscale nel 2013 lui subito vuole partecipare; e prova a far rientrare 400.000€ da una banca di San Marino.
Ma essendo fuori dai termini tira fuori una storiella di un prestito del padre, e viene incriminato di truffa aggravata ai danni dello Stato per aver fornito false attestazioni nella dichiarazione.

I 400.000€ sequestrati e lui condannato a 1 anno (pena sospesa)
http://www.romagnanoi.it/news/forli/1192453/Sequestrati-400mila-euro-a-Gianluca-Pini.html
http://www.romagnanoi.it/news/forli/1228193/Scudo-fiscale–Pini-condannato-a.html

Nel 2014 viene invece condannato a 2 anni per millantato credito (avrebbe incassato 15mila euro da un giovane figlio di un notaio, per intercedere con pezzi grossi per farlo promuovere all’esame di abilitazione notarile) e rinviato a giudizio per evasione fiscale
http://www.corriereromagna.it/news/forli/2918/Millantato-credito–Pini-condannato-a.html

Nel 2015 poi fu accusato di bancarotta fraudolenta e bancarotta semplice
http://www.romagnanoi.it/news/forli/1221978/Indagato-per-bancarotta-il-deputato-Pini.html

Ma ovviamente, sono tutte dicerie.
Complimenti all’Atalanta per la vittoria e ai suoi tifosi “deputati” per lo stile e l’eleganza.

Abbiamo davvero ancora tanto da imparare, qui all’estero….

Maurizio Zaccone

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 5 Gennaio 2018 e modificato l'ultima volta il 5 Gennaio 2018

Articoli correlati

Diritti e sociale | 8 Settembre 2020

L’OMAGGIO

Dove inizia la notte (morna per Willy Monteiro Duarte)

Razzismo | 6 Giugno 2020

FIGURACCE

Il flop di Salvini a Napoli: tra appuntamenti saltati e fischi dei napoletani

Razzismo | 5 Giugno 2020

OMICIDIO FLOYD

Quell’ultimo respiro che vuole cancellare l’apartheid

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi