lunedì 21 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

RETI VIRTUOSE

A Forcella il nuovo progetto di Agorà: murales, segnaletica e iniziative che coinvolgono il quartiere con Mann e Comune

Cultura, NapoliCapitale, Periferie | 21 Ottobre 2018

Era il 6 luglio 2017 quando veniva presentato per la prima volta al #MANN il progetto di “AGORÀ associazione culturale” di Paola Filardi, una archeologa napoletana appassionata e innamorata di uno dei quartieri simbolo e più importanti di Napoli: Forcella.

 

Più di 3 anni fa, con il Vasciotùr alla scoperta di questo quartiere di cui molti sfortunatamente conoscono solo i lati oscuri, partiva in sordina, ma con grande entusiasmo, un progetto di valorizzazione di un pezzo della città di Napoli e dei suoi abitanti. Come gli amori più grandi che se non urlati al mondo finiscono per soffocare, Forcella, come un urlo d’amore, dal cuore di Paola trasmiga in quello di qualcuno che arriva a Napoli in punta di piedi e quasi per caso , l’attuale direttore del MANN (Museo archeologico nazionale di Napoli), Paolo Giulierini.

La voglia di Paolo Giulierini di far diventare il museo punto di riferimento e la seconda casa degli abitanti dei quartieri più vicini ad esso, e la volontà di Paola Filardi di riscattare Forcella e i suoi abitanti che dovevano assolutamente avere una occasione per risollevarsi e sentirsi orgogliosi della loro storia millenaria, fanno sì che un’idea prenda forma e si trasformi in NeapolisRestArt.

E se si vuole scommettere sul futuro di una città, di un quartiere e finanche su quello dell’arte allora non si può che scommettere sui ragazzi, quelli delle scuole e delle case di Forcella, guidati e amati da Paola, ospitati da “casa” MANN, aiutati a esprimersi attraverso l’arte e la creatività da giovani artisti napoletani e writers di fama internazionale, Scuola Comix e i laboratori didattici a loro dedicati.

#NeapolisRestArt prende il via tra molte difficoltà, come tutti i progetti in cui sono coinvolti soggetti diversi e in passato tenuti distanti, ma come gli abitanti di Forcella non si perde d’animo e avanza inarrestabile verso i suoi obiettivi. L’ampio progetto, già in itinere da quando è stato presentato per la prima volta, prevede varie fasi: da quello della conoscenza delle opere del Museo da parte dei ragazzi, a un diario di viaggio che racconterà in napoletano il percorso da Forcella al MANN, a 15 murales sui muri del quartiere che rappresentano le opere del Museo e che saranno realizzati da artisti aiutati però da chi vive nel quartiere.

Il Comune invece avrà il compito di pensare alla segnaletica, alle app e a piattaforme di vario tipo per indirizzare i turisti a Forcella, mentre la Soprintendenza archeologica delle Arti e del Paesaggio fin dall’inizio sostiene e al contempo vigila sul progetto.

Domani lunedì 22 ottobre alle 11:30 sarà presentato a Palazzo San Giacomo a Napoli nella sala Giunta, alla presenza del Sindaco Luigi de Magistris e del direttore del MANN Paolo Giulierini la prima fase di sviluppo che ha visto, come protagonisti attivi, un numero importante di abitanti del quartiere e di giovanissimi studenti dell’Istituto Comprensivo “Adelaide Ristori”, introdotti alla riscoperta storica e culturale di Forcella e in un percorso di conoscenza e di “rilettura” dei tesori custoditi all’interno del MANN.

Durante la conferenza, sarà proiettato il videoracconto che vedrà tra i protagonisti il direttore del MANN in “versione Forcella” e il Sindaco di Napoli in “versione MANN “, diretto da Cecilia Maria Catani e Raffaele Rossi e prodotto dalla STEP ONE Productions di cui vi mostriamo il promo e che sarà possibile visionare in un video più lungo, di un minuto e mezzo circa, in conferenza stampa. Educare i ragazzi all’arte e all’importanza di essere nati a Napoli , grande capitale europea dell’arte e della cultura, la riscoperta dell’orgoglio sopito di un quartiere che nasconde una Napoli dentro Napoli, sono il motore di una rinascita socioculturale che è solo da emulare per risvegliare tutta la città.

Susy Martire

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 21 Ottobre 2018 e modificato l'ultima volta il 21 Ottobre 2018

Articoli correlati

Cultura | 15 Ottobre 2019

INTERVISTE COI POETI

Luca Morelli: lo sguardo da bambino del clown

Cultura | 12 Ottobre 2019

POETI MODERNI

Intervista a Carlo Fedele: l’amore dell’appartenere a Napoli

Cultura | 24 Settembre 2019

RICOMINCIO DAI LIBRI

La fiera dell’editoria si sposta ai Quartieri Spagnoli. “A Napoli c’è chi spara e chi spera”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi