sabato 15 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

RETI VIRTUOSE

Mostra alla Reggia di Portici con le riproduzioni delle opere del Mann

Beni Culturali | 30 Novembre 2018

Preview stampa mercoledì 5 dicembre alle 12 e apertura al pubblico alle 18 per una mostra singolare alla Reggia di Portici: “Copia conforme: l’arte della riproduzione dal ‘700 ad oggi”. Questo il titolo dato alla mostra nata dalla collaborazione tra MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli), MUSA (Centro Museale “Musei delle Scienze Agrarie”) e Dipartimento di Agraria della “Federico II”.

Il Museo Herculanense nella Reggia di Portici fu la primitiva sede di tutto ciò che fuoriusciva dagli scavi di Pompei e di Ercolano prima che i reperti venissero portati definitivamente nell’attuale sede del Museo archeologico nazionale di Napoli. Ma come qualcuno direbbe questa è un’altra storia. La storia che invece vuole raccontare questa mostra il cui responsabile scientifico è Luigia Melillo, già Responsabile del Laboratorio di Conservazione e Restauro del MANN, è quella delle “copie” che già tra il 1761 e il 1764 venivano realizzate per inviarle a Carlo di Borbone trasferitosi a Madrid nel 1759. Erano le riproduzioni delle opere più significative ospitate nella Reggia di Portici.
L’esposizione sarà in programma per tre mesi nel piano nobile del Palazzo Reale di Portici.

La Mostra

In un suggestivo iter di visita, il cui allestimento è firmato dagli architetti Silvia Neri e Marinella Parente, saranno presentate al pubblico le riproduzioni di grandi capolavori della Villa dei Papiri: dai Corridori (in cera, bronzo e poliuretano) all’Hermes in riposo (in cera e poliuretano). Le copie sono state realizzate e messe a disposizione dalla Fondazione Del Giudice di Nola, che ha combinato tecnologie digitali e lavoro specializzato per riproporre, nel modo più fedele possibile, i dettagli delle singole opere.
Uno spazio di approfondimento ad hoc sarà dedicato ai primi calchi realizzati per il re Carlo: nel 1761, infatti, fu inviata al sovrano la copia della statuetta bronzea di “Alessandro a cavallo”, ricreata, nel 2008, dalla storica Fonderia Chiurazzi con l’antica tecnica della fusione a cera persa, per poi essere esposta nella Sala XIII, insieme con la riproduzione in scala 1:1 del celeberrimo Cavallo Mazzocchi (tale lavoro è stata eseguito dall’Accademia di Belle Arti di Napoli in collaborazione con il Laboratorio di Conservazione e Restauro del MANN). Un filmato tridimensionale consentirà, infine, di esplorare, tramite imaging digitali, la minuziosa prassi alla base del processo di copia dei reperti archeologici.
Presenzieranno all’anteprima stampa di mercoledì 5 dicembre Paolo Giulierini (Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli), Enzo Cuomo (sindaco di Portici), Matteo Lorito (Direttore del Dipartimento di Agraria) e Stefano Mazzoleni (Direttore del MUSA).
“Ancora un’occasione per creare un dialogo interistituzionale di livello: con la mostra -Copia conforme- raccontiamo come arte, scienza e saper fare si combinino, per trasmettere ai visitatori di ogni epoca l’eredità del nostro passato”, commenta il Direttore del MANN, Paolo Giulierini.

Susy Martire

Susi Martire

Guida turistica abilitata in Campania, Consigliere e portavoce ufficiale dell’Associazione Guide Turistiche Campania; Laureata in Lingue e letterature straniere; appassionata di Archeologia, in particolare innamorata di Pompei e di tutto ciò che le riguarda. Segni particolari: Angeler… cioè fan di Alberto Angela (è un difetto?)

Articoli correlati

Beni Culturali | 14 Dicembre 2018

LA CINA È VICINA

Presentata “Mortali – Immortali al Museo archeologico di Napoli

Beni Culturali | 13 Dicembre 2018

LA MOSTRA

Si aprono i depositi di Capodimonte: tesori, tele, arazzi e oggetti preziosi mai esposti

Beni Culturali | 12 Dicembre 2018

FLOP ITALIANI

I siti Unesco trainano l’economia turistica nel mondo. Tranne che nello Stivale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi