martedì 19 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

RICOMINCIO DAI LIBRI

La fiera dell’editoria si sposta ai Quartieri Spagnoli. “A Napoli c’è chi spara e chi spera”

Cultura | 24 Settembre 2019

Con onore e piacere Identità Insorgenti sarà per il terzo anno di seguito media-partner di Ricomincio dai libri, la fiera dell’editoria che nasce dal basso, completamente gratuita e ricca di eventi. Per quest’anno, il secondo anno di direzione targata Lorenzo Marone, tante le novità che vi racconteremo domattina in un live dalla conferenza stampa dell’iniziativa. Quest’anno, dopo la prima edizione napoletana all’Ospedale della Pace e la seconda al Mann, la fiera si trasferisce ai Quartieri Spagnoli, presso la fondazione Foqus, dal 4 al 6 ottobre. In questo intervento, perfettamente combaciante col nostro modo di vedere questa città, il presidente di Ricomincio dai Libri, Deborah Divertito, spiega i motivi di questa scelta, che naturalmente condividiamo pienamente, affiancando anche questa volta questo – come si autodefiniscono – gruppo di pazzi visionari. “Col sorriso dei giusti e il coraggio dei folli”, andiamo avanti, dunque: a fare rete tra coloro che, in fondo al cuore e con le azioni di ogni giorno, non smettono mai di sperare… (Lucilla Parlato)


Gli aggettivi che più ho sentito pronunciare in queste ultime settimane, in riferimento alla scelta di portare una fiera del libro  nei Quartieri Spagnoli, sono stati “rischiosa” e “coraggiosa”. Questi aggettivi hanno ancora più senso, forse, dopo i recenti episodi di “stese”, di spari, proprio in quei vicoli.

Ebbene, è evidente da sempre che da un lato esiste una Napoli che spara e che dall’altro resiste una Napoli che spera. A quella che spara non ci dobbiamo mai abituare e quella che spera vi deve sembrare la cosa più normale del mondo.

Io vengo dalla periferia di questa strana città che ha la periferia anche al centro, ma diciamo che io vengo dalla “periferia periferia”, precisamente dal quartiere di San Giovanni a Teduccio e lì, nelle strade di un rione in particolare, il Rione Villa, si è sparato quasi ogni giorno per quasi due anni.

Potrei dire che siamo abituati alle stese e per una parte dei cittadini della zona questo è tristemente vero, ma c’è poi tutta una sacca di resistenza che cerca di portare bellezza laddove è proprio difficile anche solo immaginarla.

E lo fa nelle strade, nelle scuole, nei centri educativi, nei teatri recuperati dalla palestra di una scuola abbandonata o in hub culturali fatti solo da giovani volenterosi e talentuosi che s’inventano concorsi di fotografia, corsi di tammorra e open space per operatori culturali.

Voi vi e mi chiederete questo cosa c’entri con una fiera del libro in tutt’altra zona. C’entra, eccome!

Napoli è una città complessa, ma lo diventa ancora di più se nella nostra testa la pensiamo come divisa. La parte di cittadini che sparano vogliono esattamente questo.  E noi  non possiamo solo riempire all’occorrenza le bacheche dei social di foto di Giancarlo Siani nell’anniversario della sua morte o di citazioni di Peppino Impastato sulla bellezza. Noi questa bellezza dobbiamo viverla, perché altrimenti sarà sempre una scelta coraggiosa o rischiosa portare una manifestazione come Ricomincio dai Libri, che vede coinvolte 40 case editrici, scrittori ospiti di livello nazionale, decine di associazioni e di autori emergenti, partner come Medici senza frontiere e Nati per Leggere, nel cuore pulsante della città.

Se pensiamo che basti andare a qualche corteo, sbagliamo. Se pensiamo che basti non immischiarsi con i gruppi di guappi all’angolo, sbagliamo. Se pensiamo che basti condividere senza partecipare, sbagliamo. Dobbiamo fare tutto questo insieme, sicuramente, ma anche andare oltre.

Dobbiamo esserne parte attiva, essere convinti che offrire gratuitamente alla città tre giorni, dal 4 al 6 ottobre dalle 10 alle 21, dedicati ai libri e farlo in un posto meraviglioso come Foqus, nel pieno dei quartieri spagnoli, non è coraggioso o rischioso, ma è assolutamente naturale ed è un’opportunità per tutta la città.

A Napoli c’è chi spara e chi spera.

Decidete voi da che parte stare.

Deborah Divertito

Presidente Ricomincio dai Libri

 

PROGRAMMA FIERA 2019

 

Live della conferenza stampa:

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 24 Settembre 2019 e modificato l'ultima volta il 26 Settembre 2019

Articoli correlati

Cultura | 12 Novembre 2019

POETI MODERNI

Guide percettive: un modo diverso di guardare ai luoghi in abbandono

Cultura | 28 Ottobre 2019

L’EVENTO RIUSCITO

Grande successo per Open House Napoli. 16mila visite in due giorni

Cultura | 27 Ottobre 2019

L’INTERVISTA

Giancarlo Marino e Folkville: un omaggio a miti e leggende

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi