fbpx
venerdì 7 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

RICOMINCIO DAL CENTRO

“Chiara Perrot” nato nella crisi: boutique di una giovane designer partenopea

Imprese | 2 Luglio 2020

Ricominciare. Dal Centro storico di Napoli. Svegliarsi la mattina e alzare le saracinesche delle attività, risistemare i locali, le botteghe, i negozi, le vetrine. Rimodulare l’organizzazione, lo staff, gli orari, le proposte e anche le prospettive.

Questo vuol dire fare commercio e impresa in epoca post covid, o quanto meno in questa fase così ancora intermedia e incerta che è definita da tutti la fase tre.

Abbiamo deciso di raccontarvela con uno speciale tutto dedicato al Centro Storico, dove la mancanza di turisti ha pesato enormemente sulla ripartenza delle attività che hanno riaperto da meno di un mese.

Dal food, all’artigianato, dal settore dell’accoglienza come i b&b ai negozi al dettaglio. Questa narrazione con due live a settimana e relativi articoli è dedicata a loro, per dare luce a realtà che, nonostante tutto, ci sono. Sono vive. E vogliono farlo sapere.

Siamo a Via Cisterna dell’Olio, alle spalle del Cinema Modernissimo, zona pedonale con bar e negozietti aperti e, finalmente, in questi ultimi giorni, di nuovo con un intenso via vai di passanti.

In questo appuntamento non vi raccontiamo di una realtà che ha ripreso dopo il lockdown ma di un progetto imprenditoriale e commerciale che doveva nascere proprio nel mese di Marzo, il 21 marzo, giorno di primavera, ma che invece ha visto la luce solo due mesi dopo, il 21 maggio.

Siamo da Chiara Perrot, una piccola boutique di moda aperta da pochissimo appunto, microcosmo per esporre e vendere le collezioni di una giovane designer napoletana, Chiara, che ha dato vita al suo brand nel 2012.

Dalla sua predilezione per l’arte e la bellezza, mirata alla creazione di un’immagine pulita e rigorosa, nascono capi sofisticati e dal gusto giovanile e attraverso la sperimentazione gioca con i volumi arricchendoli di lavorazioni preziose, pitture su tessuto e stampe esclusive. Punto di forza del marchio è la lavorazione Made in Italy, anzi meglio dire il Made in Campania, così come la qualità del tessuto e le lavorazioni sartoriali.

“Sono un architetto e una designer, ho viaggiato e fatto esperienza nel mondo della moda ma ho deciso di vivere qui a Napoli, la mia città, e sopratutto di esprimere qui la mia creatività e dar vita al mio progetto”.

Chiara dal 2012 distribuisce i sui capi in diversi negozi partenopei di gran prestigio, ma solo quest’anno ha deciso di mettere su un punto vendita tutto suo scegliendo il Centro Storico. Le chiediamo perchè.

“Il Centro Storico, e questo dovrebbe valere per ogni città, è un luogo di grande fermento, dove la storia e i mestieri si incontrano, dove le piccole realtà diventano punti di interesse anche culturali. C’è come un continuo confronto tra l’arte, la creatività e le persone”

La data scelta per l’apertura della boutique era il 21 marzo, il giorno di primavera. Ma arriva, poi, anche per lei, lo stop.

“Non mi sono mai demoralizzata, andavo avanti a step, immaginando come sarebbe stata l’apertura e intanto avevo preservato la mia collezione disallestendo lo spazio per poi finalmente allestire e aprire il 21 maggio. Giusto due mesi dopo”

Nessuna inaugurazione per Chiara ma sin dai primi giorni grandi riscontri. Del resto la sua boutique esprime davvero un’anima creativa che si lega con l’alta manifattura, quella dell’eccellenza campana, quella dell’alta sartoria che si mette al servizio di idee fresche e giovani.

“Ci sono capi che ho realizzato io stessa, pezzi unici dipinti a mano e capi di una collezione ispirata agli anni 70. ” Ce li mostra tutti, Chiara, raccontandoci ogni dettaglio, di come nasce un’idea, di come la si realizza, e soprattutto di quanto il settore della moda sia vasto e vario e di come sia importante tutelare il design indipendente, lontano dalla grande distribuzione.

Un’avventura nuova che comincia nell’anno forse più nefasto di tutti, dopo una pandemia mondiale, in una città come Napoli che deve ancora affermarsi come punto di riferimento nel campo della moda, soprattutto se consideriamo che in questo comparto non ci sono solo i soliti nomi ormai noti ma sempre più spogli di identità e creatività. Napoli sforna talenti, stilisti e artisti che investono su loro stessi dando vita, in questo caso, a collezioni che raccontano non solo un’idea ma che parlano anche di una filiera, quella sartoriale campana, che fa la differenza in questo settore.

In bocca al lupo a Chiara e alla sua boutique.

Uno scrigno di creatività e stile nel Centro Storico di Napoli.

Noi continueremo a raccontarvi la ripresa. La ripartenza. Prossimo appuntamento Venerdì 3 Luglio con il live sulla nostra pagina Facebook. Seguiteci.

 

Nuovo appuntamento del nostro speciale “Ricomincio dal Centro”. Oggi vi portiamo nella boutique di ChiaraPerrot, giovane designer di moda.

Posted by Identità Insorgenti on Wednesday, July 1, 2020

 

Valentina Castellano 

Un articolo di Valentina Castellano pubblicato il 2 Luglio 2020 e modificato l'ultima volta il 2 Luglio 2020

Articoli correlati

Agroalimentare | 5 Agosto 2020

MADE IN NAPLES

L’Antica Pizzeria da Michele apre in Arabia Saudita

Agroalimentare | 31 Luglio 2020

RICOMINCIO DAL CENTRO

Lombardi a Via Foria rilancia i piatti della tradizione

Imprese | 29 Luglio 2020

RICOMINCIO DAL CENTRO

Spiff Creation riparte con nuovi disegni e il progetto di un e-commerce

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi