fbpx
domenica 27 settembre 2020
Logo Identità Insorgenti

RICOMINCIO DAL CENTRO

Lombardi a Via Foria rilancia i piatti della tradizione

Agroalimentare | 31 Luglio 2020

Ricominciare. Dal Centro storico di Napoli. Svegliarsi la mattina e alzare le saracinesche delle attività, risistemare i locali, le botteghe, i negozi, le vetrine. Rimodulare l’organizzazione, lo staff, gli orari, le proposte e anche le prospettive.

Questo vuol dire fare commercio e impresa in epoca post covid, o quanto meno in questa fase così ancora intermedia e incerta che è definita da tutti la fase tre.

Abbiamo deciso di raccontarvela con uno speciale tutto dedicato al Centro Storico, dove la mancanza di turisti ha pesato enormemente sulla ripartenza delle attività che hanno riaperto da meno di un mese.

Dal food, all’artigianato, dal settore dell’accoglienza come i b&b ai negozi al dettaglio. Questa narrazione con due live a settimana e relativi articoli è dedicata a loro, per dare luce a realtà che, nonostante tutto, ci sono. Sono vive. E vogliono farlo sapere.

“Ieri sono arrivati da noi dei turisti olandesi che non avevano mai mangiato la pizza napoletana. Quando hanno saputo che erano seduti ai tavoli di una delle pizzerie centenarie hanno voluto conoscere la nostra storia, il legame con il quartiere, con le tradizioni, con la città. E noi non ci siamo risparmiati nel racconto, perché siamo sempre convinti che sia la nostra storia a farci da monito per andare avanti, di generazione in generazione, soprattutto oggi in questo periodo così complicato ed incerto che stiamo vivendo come persone e come imprenditori”

Le parole di Enrico e Carlo Alberto Lombardi, quinta generazione di una famiglia di pizzaioli dal 1892, aprono l’ultimo appuntamento del nostro speciale dedicato alla ripresa delle attività del Centro Storico dopo la chiusura forzata dovuta al lockdown.

Ed è un appuntamento con la storia vera, tramandata, che si nutre di tradizioni ma che si fa viva e si ripresenta ogni giorno quando questa quinta generazione è al banco con le mani sporche di farina, o in cucina a preparare e proporre i piatti tipici della cultura napoletana.

Il racconto della ripresa del mondo food è un racconto fatto di diverse fasi: il delivery, poi l’asporto e poi finalmente l’attività classica seppur rispettando le normative anticovid.

“La chiusura è stato un momento duro – ci spiega Enrico – avvenuta nel pieno della nostra attività, in un periodo florido fatto anche di progetti e nuove prospettive. Ma siamo consapevoli di avere le spalle forti, grazie alla nostra storia, all’esperienza dei nostri nonni che hanno vissuto momenti complicati prima di noi. E ne sono sempre usciti. Ricominciando da dove erano rimasti. Senza arrendersi. Noi, sin dalla prima fase della ripartenza, ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo cominciato con le consegne a domicilio, che prima non facevamo. Ci siamo rimessi in discussione. Sembrava essere tornati indietro di venti anni, ma l’abbiamo fatto. In prima linea. Così come ci hanno insegnato”

Con questa convinzione, durante la chiusura, i Lombardi hanno deciso di fare un’operazione social dedicata appunto alla loro storia, come a voler prendere spunto, a rinnovare quell’insegnamento tramandato. Tra foto e racconti hanno condiviso con chi li ha seguiti da casa storie e piatti che hanno fatto scuola nel mondo della ristorazione e della pizzeria napoletana.

E anche oggi, per la ripartenza, hanno deciso di riprendere un momento importante della loro famiglia.

“Era il 1947 – ci racconta Carlo Alberto – ed è in quegli anni che nasce il secondo capitolo della nostra storia che ci porta fino ai giorni d’oggi. Fu infatti nel dopoguerra che si ebbe la vera rivoluzione del nostro locale: in quegli anni, grazie anche alla presenza di nostra nonna, fummo tra i primi a Napoli, ad unire l’attività di ristorante a quella di pizzeria. La pizzeria non era un servizio di serie b rispetto alla ristorazione, anzi, chef e pizzaioli lavoravano fianco a fianco nel nostro locale, scambiandosi competenze e forza. Proprio come una famiglia. Ed è proprio ispirandoci a quel periodo che vogliamo ripartire”

“I nostri nonni hanno vissuto la guerra, noi in un certo senso stiamo vivendo la nostra che ha completamente trasformato il nostro modo di vedere le cose, e anche il nostro modo di lavorare – sostiene Enrico – Ma dobbiamo anche noi ripartire e vogliamo farlo rafforzando l’idea dell’unione tra ristorante e pizzeria.”

Guardare indietro e fare tesoro dell’esperienza diventa un’opportunità su cui lavorare costantemente. Perchè un’attività storica non si può adagiare sulla tradizione, ma quella tradizione deve renderla viva, con il lavoro di ogni giorno.

Ed è proprio questo che fa, senza sosta alcuna, la quinta generazione della famiglia Lombardi. Ecco perchè il nostro appuntamento si chiude in cucina, con un piatto di mare che racconta anche la storia dei pescatori di Santa Lucia e che è uno dei piatti di punta dell’attività: il Tianiello, un piatto di mare che mette nel pentolino – così viene servito a tavola – cozze, vongole, lupini, fasolari, taratufi, calamari, polpo, gamberetti e gamberoni. E alla fine chi lo mangia trova anche la sorpresa del pane fritto nel sugo.

“Vogliamo riproporre un piatto che tanti nostri clienti conoscono ma che simbolicamente unisce questo periodo storico a quello passato degli anni del dopoguerra – ci spiegano – alla fine degli anni 40 la ripresa cominciò dalla ristorazione, vogliamo che sia così anche stavolta”

Via Foria intanto è viva, con suo via vai di persone, di traffico, di sirene spiegate che puntualmente non mancano mai nei nostri live. Così come la sala dei Lombardi, mentre siamo in diretta, comincia a riempirsi di clienti e anche di turisti, italiani e stranieri.

Dal nostro primo appuntamento ad oggi, Napoli si sta rianimando giorno per giorno: noi ci auguriamo che questa fase del post-lockdown divenga l’occasione per vivere la città con un nuovo approccio, soprattutto in campo turistico sia per chi offre i servizi sia per chi ne usufruisce.  Un’opportunità per sviluppare un turismo di qualità e per far emergere sempre più realtà autenticamente tradizionali come quella dei Lombardi.

 

Ultimo appuntamento del nostro speciale “Ricomincio dal Centro” dedicato alla ripartenza delle attività del centro storico della nostra città. Oggi vi portiamo dai Lombardi 1892, a Via Foria.

Posted by Identità Insorgenti on Thursday, July 30, 2020

Valentina Castellano

Un articolo di Valentina Castellano pubblicato il 31 Luglio 2020 e modificato l'ultima volta il 31 Luglio 2020

Articoli correlati

Cultura | 23 Settembre 2020

San Giovanni a Carbonara, l’emblema della mutevolezza di Napoli

Agroalimentare | 10 Settembre 2020

RISTORAZIONE

Marianna Vitale nominata Chef donna Michelin 2020

Attualità | 2 Settembre 2020

IN RICORDO DI PHILIPPE

Ci lascia Daverio: il rapporto del critico d’arte con Napoli e il Sud

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi