fbpx
martedì 26 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

ROMA CAPOCCIA

Striscioni che incitano "Kevin a sputare ancora". E nessuna condanna

Italia, NapoliCapitale, Politica, Sport | 18 Marzo 2014

striscione roma contro il napoli sputagli ancora

Credevamo di aver finito, almeno per quest’anno, di dover rimarcare l’incivilta’ e l’idiozia di una parte ( è bene sottolinearlo) della tifoseria romanista e invece eccoti la perla, speriamo l’ultima, che va a completare un quadro già pessimo.

E già, perché sebbene gli scontri diretti tra Roma e Napoli siano stati ormai archiviati sia in campionato che in coppa italia, i tifosi della Magica pare non riescano a non dedicare comunque un pensiero ai napoletani e, ieri sera, fieri, dallo stadio Olimpico fresco di squalifica per cori razzisti, hanno esposto,durante il match contro l’Udinese, una “pezza” (ovvero lo striscione in linguaggio ultras ) con un messaggio che invita a profonde riflessioni e sollecita ad azioni di elevata moralità : “Forza Kevin… sputagli ancora!”.

Per i profani della materia, Kevin sarebbe Kevin Strootman, calciatore olandese della Roma, che a Napoli, nel ritorno di coppa Italia fu espulso per aver platealmente applaudito l’arbitro dopo un fallo di gioco. Costui, già furioso per gli indigesti 3 baba’ ingurgitati suo malgrado ad opera degli azzurri, alla vista del cartellino rosso che lo invitava al abbandonare il campo, mentre procedeva verso gli spogliatoi, si rese protagonista di uno dei gesti più nobili ed encomiabili che esistano: lo sputo.

Sputo vile, rivolto non ad un calciatore in campo, bensì ai tifosi della curva e quindi esteso idealmente a tutti i tifosi del napoli. Un congedo da gran signore, non c’è che dire, prontamente negato poi sia dalla società romanista che dallo stesso Strootman.

Peccato però che nell’era della tecnologia tascabile, lor signori non avessero fatto i conti col video che puntuale arriva ad avallare quanto visto dai tifosi della curva B: si vede Kevin (nome che ispira simpatia) che, nell’accedere ai gradini del sottopassaggio, alza la testa, la volge alla sua destra e, per l’appunto, sputa.

Il video fa ovviamente il giro del web, ma, stranamente, non viene richiesta alcuna prova tv per sanzionare il deprecabile gesto: inutile infierire forse, certi atti qualificano da soli la natura di chi li compie. Secondo gli esperti della materia, quel video non avrebbe valore in quanto ripreso dalla curva e non dalle telecamere in campo, quindi non idoneo per la giustizia sportiva. Fatto sta che l’evidenza di quanto commesso è stata sottolineata proprio con la “pezza” di ieri sera… quel gesto c’è stato, ok, punto.

Andrebbe stigmatizzato, se fossimo in un paese civile: invece siamo in italia, e a Roma, da buona capitale di una schifezza di paese simile, questi gesti vengono esaltati, ribaditi, rilanciati …addirittura.

Non c’è sdegno, non c’è presa di distanze, non c’è invito a smetterla con questa “violenza” esibita come un vanto. Sì, violenza: perché lo sputo è un gesto di violenza silente, subdola, e codarda rivolta a chi non può rispondere, a chi può solo subire impotente.

Inutile dire cosa sarebbe accaduto a parti inverse: trasmissioni sportive e non, titoloni su ogni testata nazionale e moralizzatori più o meno improvvisati ovunque a tacciare delle peggiori cose tifoseria e popolo napoletano tutto.

Invece in giro poco o nulla…ma si sa, certe cose fanno notizia solo se avvengono a Napoli, così come invece viene data pochissima enfasi ai bei gesti che la tifoseria partenopea dispensa ovunque. Ve lo lasciamo volentieri,comunque, il vostro stile, e facciamo gli auguri a Strootman affinché recuperi al più presto dal grave infortunio accaduto, guarda caso, proprio domenica scorsa in campo a Napoli…e, come si dice da queste parti: Nun sputàn cielo, can faccia te torna.

Floriana Tortora

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 18 Marzo 2014 e modificato l'ultima volta il 25 Settembre 2014

Articoli correlati

Italia | 26 Maggio 2020

PREGIUDIZI OSCENI

Su Libero, in risposta a un lettore: “Sud peso morto”

Italia | 16 Marzo 2020

CORONAVIRUS

Aiutiamo il Pascale, un’eccellenza mondiale (escluso dai fondi per la ricerca appena un anno fa)

Italia | 12 Marzo 2020

CORONAVIRUS

Libri, film, giga gratuiti: i regali delle aziende digitali per questi giorni di quarantena

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi