fbpx
giovedì 22 ottobre 2020
Logo Identità Insorgenti

Mille frammenti di un capolavoro: il Cristo crocifisso della chiesa di San Carlo all’Arena

7arti, News | 15 Maggio 2017

Quasi dimenticato, nella Chiesa di San Carlo all’Arena in via Foria a Napoli giace un’opera di commovente bellezza.  E’ il Cristo crocifisso scolpito nel marmo da Michelangelo Naccherino nel 1599.

Fu ritrovato nel 1835, nascosto ed abbandonato in un ripostiglio della Sagrestia dello Spirito Santo in via Toledo.

Collocato sull’altare maggiore di San Carlo all’Arena lì vi rimase per circa cento anni.  Nel 1923 un furioso incendio devastò la chiesa, il Cristo crollò al suolo frantumandosi. Giace ora quasi abbandonato, ma quasi. Ogni giorno, tutte le sere è vegliato da un piccolo gruppo di vecchine. Col capo chino, sciogliendo le loro litanie, accarezzano quelle bianche carni martoriate.

E’ l’ennesimo momento questo, della bellezza e dell’importanza di una città che un giorno fu una grande capitale, ricca di opere e di artisti e che lotta ancora, ogni giorno  per tornare ad esserlo.

Ad un occhio attento non sfuggiranno tanti altri esempi come questo. Basta saper cercare, basta saper vedere. Inoltrandoci nei vicoli del centro antico tracciati da greci e romani, percorrendo le strade principali create da re e sovrani ritroveremo cristallizzati nel marmo, nel tufo, nel piperno i tratti salienti della nostra grande storia. La Napoli ducale, la Napoli angioina, rinascimentale e barocca proietta nei nostri occhi la sua dolente e struggente bellezza.

E poi passo dopo passo, dietro ogni portone, di chiesa o di palazzo, scopriamo questi incantesimi nascosti. Godiamone e diffondiamo la conoscenza di questa antica grandezza. Perchè questa è la nostra anima, la nostra identità .

 

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 15 Maggio 2017 e modificato l'ultima volta il 15 Maggio 2017

Articoli correlati

Battaglie | 18 Ottobre 2020

IL MESSAGGIO

Pugno alzato e manifesto “End police brutality in Nigeria”: le ragioni di Victor Osimhen

Arte | 15 Ottobre 2020

NEAPOLITAN REPUBLIC

Un “Mandala” per Napoli: la nuova visione dell’artista Andrea Villanis

Arte | 6 Ottobre 2020

NUOVE VISIONI

Neapolitan Republic: artisti e ambassador insieme per un nuovo racconto di Napoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi