martedì 22 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

SAN CARLO

La Purchia vuole lasciare il massimo partenopeo per il regio di Torino o per Firenze

Teatro | 16 Luglio 2019

Nei giorni scorsi ha parlato di disinformazione per un bando – scandaloso – del Teatro San Carlo che cerca un nuovo addetto stampa. Bando che ha provocato la discesa in campo del sindacato dei giornalisti e del governatore de Luca e che è stato ovviamente corretto.

Oggi apprendiamo dall’edizione torinese del Corriere, che Rosanna Purchia, direttore del San Carlo,  ambisce ad altri incarichi e che – a proposito di bandi – ha presentato la sua candidatura per emigrare a Torino, partecipando alla selezione del nuovo direttore del Regio. Il suo è in scadenza tra qualche mese e dunque magari il prossimo addetto stampa sarebbe meglio che aspettasse un nuovo sovrintendente per essere scelto. Ma tant’è.

Tra la prima scrematura delle cento candidature arrivate alla direzione del Regio, infatti, c’è anche la Purchia: è in pole position per essere scelta. Gioca la partita con l’uscente William Graziosi, Claudio Orazi (sovrintendente di Cagliari che può contare sul sostegno del ministro Bonisoli), Luciano Messi (sovrintendente di Macerata), Sebastian Schwarz (già direttore artistico a Vienna).

La decisione dovrà essere presa entro venerdì e ieri sera il Consiglio di indirizzo si è riunito informalmente per accelerare i tempi. Intanto c’è già chi, come Paolo Giordana, si prepara al ricorso al Tar.

I candidati scelti dovranno presentarsi davanti ai consiglieri del Regio venerdì per il colloquio finale, che verterà sulla discussione del piano industriale. Documento scritto dallo stesso Graziosi con il professor Guido Guerzoni e inviato ai candidati, stando a quanto dichiarato dall’assessora comunale alla Cultura di Torino, Francesca Leon, via via che veniva effettuata la scrematura dei curricula. Una procedura che, se così fosse, potrebbe aprire la strada a possibili ricorsi da parte degli esclusi.

Rosanna Purchia, la sovrintendente del Teatro San Carlo di Napoli, dunque, venerdì sosterrà il colloquio. Ma che voglia lasciare Napoli non è solo un dubbio, perché secondo il corriere di Torino si sarebbe candidata anche a guidare il Teatro del Maggio fiorentino, dove pure stanno cambiando il vertice.

Lucilla Parlato

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 16 Luglio 2019 e modificato l'ultima volta il 16 Luglio 2019

Articoli correlati

Storia | 22 Ottobre 2019

LA RIFLESSIONE

La denuncia di Baffi sul museo dell’attore “parcheggiato” al San Ferdinando

Identità | 15 Ottobre 2019

AL MERCADANTE

Napoli Mon Amour diventa testo teatrale con la regia di Rosario Sparno

Teatro | 15 Ottobre 2019

L’ASTA

In vendita mobili e oggetti appartenuti a Eduardo de Filippo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi