lunedì 21 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

SAN GENNARO DAY

Napoli, musei gratis per celebrare il Santo Patrono

Identità | 9 Settembre 2019

Si avvicina il San Gennaro day, un giorno importantissimo per i napoletani. Quest’anno, il 19 settembre, non sarà solo il giorno in cui si aspetta con ansia la liquefazione del sangue per scongiurare eventuali pericoli ma una giornata speciale in cui, terminati i riti in onore del Santo Patrono più famoso al mondo, le famiglie potranno recarsi a visitare gratuitamente i musei cittadini. Aderiscono alla proposta del Mibac di far ricadere la scelta di almeno uno dei giorni a ingresso gratuito in una data importante per i napoletani, il Museo archeologico nazionale di Napoli, il Palazzo Reale di Napoli, il Museo e la Certosa di San Martino, Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento, il Museo Duca di Martina e il Museo Pignatelli. Anche Palazzo Zevallos – Stigliano sarà aperto gratuitamente in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono.

Poco fuori Napoli, inoltre, lì dove i Greci approdarono fondando la prima colonia sulla terraferma, l’antica Kyme, oggi Cuma, si potranno visitare tutti i siti del Parco archeologico dei Campi Flegrei senza dover pagare: Cuma, le Terme di Baia, il Castello di Baia – Museo archeologico dei Campi Flegrei e l’anfiteatro Flavio di Pozzuoli, lì dove San Gennaro fu portato per essere sbranato dalle fiere a cui però sopravvisse.

Di seguito gli orari di apertura:

San Gennaro, quindi, all’insegna della cultura e delle origini, quelle di un popolo intero che attraverso il Santo più amato dai napoletani si estendono oltre i confini di una città, e quest’anno invitano chi accorre da ogni dove per celebrarlo a visitare i musei che raccontano una storia di cui essere ancora orgogliosi.

Diceva Gleijeses: “È stato detto che San Gennaro è l’anima di Napoli. Si potrebbe dire qualcosa di più. San Gennaro è il sentimento di un popolo che, nonostante le sconfitte, le delusioni, le amarezze patite nella sua lunga e dolorosa storia, trova ancora la forza di sperare, di lottare, di vivere.”.

Susy Martire

Un articolo di Susy Martire pubblicato il 9 Settembre 2019 e modificato l'ultima volta il 10 Settembre 2019

Articoli correlati

Identità | 17 Ottobre 2019

IL RACCONTO

Portalba, una storia di dita annerite

Beni Culturali | 16 Ottobre 2019

POGGIOREALE

Ogni anno verso il 2 novembre piangono gli illustri: tombe di Gemito, Viviani, E.A. Mario tra oblio e incuria

Identità | 15 Ottobre 2019

AL MERCADANTE

Napoli Mon Amour diventa testo teatrale con la regia di Rosario Sparno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi