lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

San Gennaro e il Comune che non paga: “Aspetta, ciuccio mio, ca mo vene ‘a paglia nova”

Un proverbio a settimana | 26 Aprile 2021

Tra le notizie degne di nota (o indegne) della settimana appena trascorsa c’è senza dubbio quella relativa al fatto che San Gennaro abbia fatto causa al Comune di Napoli.

La Deputazione, infatti, ha chiesto al Comune di saldare il suo debito – non morale ma economico! – col Patrono della città. Salvo due anni a fine 800, non era mai successo, nella lunga storia della Deputazione, che le istituzioni non provvedessero a fare la loro parte per la gestione del Tesoro che tra restauri, personale, luce e altre utenze ha costi ragguardevoli.

Il Comune avanza dieci anni di quote non versate e, stanchi di attendere che vane promesse vengano mantenute, i notabili della Deputazione hanno intentato causa.

“Aspetta, ciuccio mio, ca mo vene ‘a paglia nova” starà pensando il Santo, nella sua secolare dimora, in attesa che le “promesse” (o i debiti) vengano onorate…

Un articolo di Drusiana Vetrano pubblicato il 26 Aprile 2021 e modificato l'ultima volta il 26 Aprile 2021

Articoli correlati

Un proverbio a settimana | 19 Aprile 2021

A bona parola mògne, ‘a trista pògne: dedicato ad Augias

Un proverbio a settimana | 12 Aprile 2021

“Senza denare nun se cantano messe” e la protesta delle mutande

Un proverbio a settimana | 5 Aprile 2021

Vruòccole, gnuòccole e predecature, fatta Pasca nun serveno cchiù