sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

San Gennaro patrimonio Unesco: riprende l’iter per la candidatura

Identità | 26 Febbraio 2021

Era giugno 2020 quando su queste pagine annunciavamo in anteprima la candidatura di San Gennaro per il riconoscimento Unesco del Culto e la Devozione del santo patrono di Napoli quali patrimonio immateriale dell’Umanità. L’idea, nata da alcune importanti realtà cittadine, tutte autorevolissime e credibili, fa ben sperare in una conclusione positiva del percorso.

L’iter partito dai luoghi simbolo di San Gennaro

Non si poteva che iniziare questa procedura burocratica pesante e complicata nei luoghi simbolo della città, la Cattedrale di Napoli a luglio, san Gennaro extra Moenia oggi. Era stato a luglio il Cardinale Crescenzio Sepe a “benedire” l’ambizioso e importante progetto.

Le associazioni promotrici

L’iniziativa è già stata meritevole dell’Iscrizione nell’Inventario IPIC per l’anno 2018 del Patrimonio culturale Immateriale Campano (Decreto Dirigenziale n. 205 del 07.10.2019) ed è promossa dall’Università degli Studi di Napoli Federico II – Centro Interdipartimentale Ricerca LUPT; in collaborazione con la Fondazione Fare Chiesa e Città, l’ Eccellentissima Deputazione della Real Cappella del Tesoro di San Gennaro, il Pio Monte della Misericordia, il Museo Diocesano di Napoli, il Complesso Monumentale di Donnaregina, il Comitato Diocesano San Gennaro – Guardia di Onore alla Cripta; l’ Associazione”I Sedili di Napoli” Onlus, la Fondazione Ferrante Sanseverino, l’Associazione Sebeto ed ICOMOS International Council on Momuments and Sites.

Oggi la diretta del comitato promotore

Stamattina, dunque, a partire dalle 10.30, con un webinar ci sarà una diretta al link https://www.facebook.com/com.prom.sangennaro.unesco   dalla Basilica di San Gennaro extra moenia, all’interno delle Catacombe di Napoli intitolate proprio al Santo.

Stavolta a parlare della candidatura ci saranno don Antonio Loffredo e padre Adolfo Russo, vicario episcopale per la cultura e responsabile dell’iter per la Diocesi partenopea.

Il programma coinvolge Regione e Università

Il programma, che vede il coinvolgimento anche della Regione Campania e dell’Università Federico II di Napoli, resta quello annunciato in partenza: far conoscere quanto estesa e
sentita è la devozione per San Gennaro nel mondo.  E’ prevista la partecipazione on line di Maurizio De Giovanni e del giornalista Alfonso Ruffo, del professor Guglielmo Trupiano, direttore del Centro interdipartimentale di Ricerca Laboratorio di Urbanisticaedi Pianificazione Territoriale “Raffaele d’Ambrosio”(L.U.P.T.) dell’Università Federico II e alcuni componenti del Comitato promotore comePierluigi Sanfelice di Bagnoli, Carlo Borgomeo, Mariano Bruno.

Un filmato di testimonial e un sito internet dedicato

E’ previsto anche un filmato con testimonianze di artisti e di esponenti della cultura quali Enzo Avitabile, Roberto De Simone, Lello Esposito, Antonio Giordano, Paolo Giulierini, Paolo Iorio (direttore del Museo del Tesoro).

Sangennaroworldwidenetwork.com, il sito online dedicato al progetto) avrà il compito di mettere in rete tutte le associazioni di San Gennaro nel mondo.

 

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 26 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 26 Febbraio 2021

Articoli correlati

Identità | 1 Aprile 2021

Sulla pastiera, le 7 strisce e l’identità che si trasforma, restando sè stessa

Identità | 24 Marzo 2021

Rito del caffè: l’Unesco chiede un dossier unico e rinvia al 2022 la decisione

Identità | 5 Marzo 2021

Quarant’anni fa usciva “Ricomincio da tre”: i ricordi di Anna Pavignano, compagna e sceneggiatrice di Troisi