fbpx
giovedì 26 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

San Giorgio a Cremano: Dai Savoia a Carlo di Borbone, così cambia la Piazza Principale

News | 15 Settembre 2018

Cambia la toponomastica nel comune vesuviano di San Giorgio a Cremano. La piazza principale, la stessa dove ha sede il municipio sangiorgese, vede così l’ipotesi di rinominarsi in Piazza Carlo di Borbone.

La proposta, portata avanti dall’assessore alla Toponomastica Pietro De Martino, è stata approvata lo scorso martedì – 11 settembre – dalla giunta comunale di San Giorgio a Cremano, presieduta dal sindaco Giorgio Zinno.

Con tale atto l’attuale piazza Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia, cambia nome in piazza Carlo di Borbone.

In onore al sovrano fautore, in termini d’infrastrutture e opere cittadine, della costruzione del famigerato Miglio d’oro e dell’intera area vesuviana tra cui spicca, appunto, il comune sangiorgese, patria delle Ville Vesuviane e dello storico opificio di Pietrarsa, voluto per la costruzione della vicina Reggia di Portici.

Oggi abbiamo approvato un atto con il quale abbiamo intenzione, dopo l’ok della Prefettura di Napoli, di intitolare la piazza dove ha sede il municipio a CARLO DI BORBONE. Un riconoscimento al sovrano illuminato per le innumerevoli opere realizzate nel Meridione, in particolare a Napoli e nell’area vesuviana“. Così ha commentato, sui social, il sindaco Giorgio Zinno, in seguito alla riunione della giunta, definendo Re Carlo un “Sovrano Illuminato”.

Un legame profondo, dunque, tra il monarca spagnolo e il comune vesuviano che trova una forte testimonianza storica nella dimora in cui abitò Bernardo Tanucci, suo primo ministro, consigliere e autore di numerose riforme del periodo.

Per questi e per tanti altri motivi, la città di San Giorgio a Cremano ha portato avanti quest’interessante percorso identitario iniziato con un convegno pubblico su Carlo di Borbone, durante il quale fu già anticipata la proposta di ribattezzare la piazza in seguito al lavoro sulla toponomastica ad opera di studenti e docenti della scuola secondaria Massaia.

Ora l’atto della nuova denominazione della principale piazza cittadina sarà inviato in Prefettura di Napoli e sottoposta alla Commissione di Storia Patria. per l’approvazione.

Diventa fan del Vaporetto per tutte le news sulla tua città, clicca qui e seguici sulla nostra pagina!

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 15 Settembre 2018 e modificato l'ultima volta il 15 Settembre 2018

Articoli correlati

News | 25 Novembre 2020

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

Ambiente | 19 Novembre 2020

VESUVIO

“Riforesti-Amo il Gigante”: la rinascita dei boschi dopo l’incendio del 2017

Attualità | 31 Agosto 2020

LA DERIVA

Napoli, Anm: la propaganda leghista viaggia sul servizio pubblico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi