martedì 11 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

Scuole aperte in estate, il piano da mezzo miliardo: il 70% dei fondi PON al Sud

Scuole aperte in Estate
Istruzione, scuola, università | 29 Aprile 2021

Manca poco più di un mese alla fine della scuola. L’ultima campanella di questo difficile anno scolastico suonerà tra il 5 e il 16 Giugno, a seconda di istituti e regioni. Ma le scuole continueranno a essere aperte anche in estate, secondo il nuovo piano per la scuola approvato dal governo. Il 70% dei fondi assegnati al progetto saranno destinati al Sud.

Su volontà del MIUR in estate si attiveranno attività ricreative, sociali e di potenziamento. A riguardo, il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi ha sottolineato come “la pandemia ha scavato le differenze e accresciuto le fragilità” aggiungendo: “serve un ponte tra quest’anno e il prossimo, un’occasione perché bambini e ragazzi possano recuperare apprendimenti e socialità”.

Scuole aperte in estate: cosa dice il piano

Il piano divide per mese le attività da svolgere. A Giugno le attività saranno incentrate su rinforzo e potenziamento degli apprendimenti, con attività di laboratorio e di gruppo. Oltre che ad approfondimenti dei territori e delle realtà che lo animano. Quindi anche incontri con il mondo del lavoro, per promuovere la responsabilizzazione degli studenti.

A luglio e agosto, invece, sono previste attività di aggregazione e socializzazione. Laboratori di arte, musica, scrittura creativa, ma anche dibattiti, laboratori, educazione a cittadinanza e sostenibilità. Questi percorsi non si limiteranno alle mura scolastiche, ma si svolgeranno anche in teatri, musei, cinema e parchi. Un modo per valorizzare tutte le attività penalizzate dalla crisi pandemica.

Mentre a settembre sono destinate le attività di accoglienza e rientro in classe, per prepararsi al nuovo anno scolastico. Inoltre la nota ministeriale incentiva l’attivazione di sportelli di ascolto, per agevolare l’inclusione dei ragazzi nell’ambiente scolastico.

La partecipazione non sarà obbligatoria

La partecipazione alle attività in estate sarà libera per gli studenti, su base volontaria per i professori. I docenti che vi prenderanno parte riceveranno un extra sullo stipendio. In aggiunta, il ministro Bianchi ha previsto anche il coinvolgimento di esperti esterni.

Va sottolineato che il piano per l’estate non riguarderà i debiti da recuperare per i singoli studenti. Chi avrà insufficienze, infatti, dovrà seguire a parte corsi di recupero e sostenere un esame a settembre o nel corso dell’estate. Perché quest’anno, diversamente dallo scorso, la promozione non sarà garantita.

Il 70% dei fondi del governo al Sud

Il piano del governo prevede circa 520 milioni di euro stanziati per le scuole italiane. I fondi del piano PON da 320 milioni saranno suddivisi in base alle difficoltà affrontate dai territori. Perciò alle scuole del sud spetta il 70% dei finanziamenti. In percentuale ridotta Nord e regioni intermedie, a cui andranno rispettivamente il 20% e 10% dei fondi. I restanti fondi, circa 200 milioni, saranno ripartiti in base alla popolazione studentesca.

I finanziamenti sono così suddivisi:

Sul sito del ministero dell’istruzione è gia stata predisposta un’area dedicata al piano estate. Mentre INDIRE, l’ente di ricerca del MIUR, metterà a disposizione il materiale sulla metodologia didattica da adottare in classe. A questo link è disponibile la nota ministeriale completa.

Ciro Giso

Un articolo di Ciro Giso pubblicato il 29 Aprile 2021 e modificato l'ultima volta il 29 Aprile 2021

Articoli correlati

Istruzione, scuola, università | 21 Aprile 2021

Il governo ci ripensa: dal 26 Aprile tutte le scuole in presenza a partire dal 50%

Istruzione, scuola, università | 19 Aprile 2021

Cronaca del rientro a scuola in Campania: ancora troppi i disagi per gli studenti (e nulla è cambiato)

Istruzione, scuola, università | 19 Aprile 2021

L’università ai tempi del covid: la testimonianza di una studentessa napoletana