fbpx
venerdì 10 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

SFRATTI E MOBILITAZIONE

Salviamo vico Pazzariello e gli ideatori del Panaro Solidale

Cultura | 25 Giugno 2020

Da due giorni Angelo Picone, probabilmente il più noto “Pazzariello” di Napoli, ha cominciato lo sciopero della fame a causa dell’intimazione di sfratto che ha ricevuto in questi giorni.

Nel periodo della quarantena insieme a Pina Andelora è stato l’ideatore del “Panaro Solidale” che molto aiuto ha portato ai meno fortunati del centro storico di Napoli, procurando cibo e generi di prima necessità a chi ne aveva bisogno. Un’iniziativa tutta napoletana, che ha avuto un’eco profonda in Italia e nel mondo, imitata un po’ ovunque.

In questi giorni molti napoletani stanno partecipando alla mobilitazione per salvare Vico Pazzariello e il teatrino di Perzechella. Tre settimane di azioni, umane e artistiche per scongiurare la chiusura delle associazioni, a cui è stato intimato lo sfratto.


Angelo e Pina amano Napoli e da tempo denunciano il pericolo che la città cada in mano agli speculatori, anche grazie a una “turistificazione” incontrollata. E così hanno indetto questi giorni di eventi in nome del panaro solidale che ha caratterizzato più di ogni altro simbolo durante questa quarantena l’animo di una città come Napoli, grazie a queste due persone.

Non lasciamo che il Vico Pazzariello scompaia: sosteniamo ‘o Capitano e Perzechella

I live da Vico Pazzariello, dove ‘o Capitano ci spiega la situazione, invitando tutti alla mobilitazione, sono di Sergio Valentino

Un articolo di Sergio Valentino pubblicato il 25 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 25 Giugno 2020

Articoli correlati

Cultura | 3 Luglio 2020

RIPARTENZE

Riparte la stagione del teatro Greco di Siracusa: il calendario ripensato è anche in streaming

Cultura | 30 Giugno 2020

NAPOLI TEATRO FESTIVAL

Si apre con i Foja (anche in streaming) e il progetto Rua Catalana, tra Palazzo reale e Reggia di Capodimonte

Cultura | 29 Giugno 2020

IL PIANO BE

I Russo e la ripartenza del Bellini: così il teatro diventa “città aperta” (e modello per tutti)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi