sabato 17 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

Spettacolo Napoli, assediata la Scala del calcio

News, Sport | 22 Gennaio 2017

Dal San Carlo a “la Scala del calcio” il Napoli calcio ha concluso una settimana all’insegna dello spettacolo, iniziato lunedì scorso con i festeggiamenti per il 30° anniversario dello scudetto della squadra partenopea, contornato da musica e tanto altro, e concluso, ieri, con uno show di calcio fatto da passaggi, pressing e goal.

 

I festeggiamenti per l’anniversario dello scudetto si sono tenuti a Napoli, lunedì 16 Gennaio, alle ore 21, al teatro San Carlo. “3 volte 10”, il titolo; il protagonista? Diego Armando Maradona, interprete del più grande spettacolo della storia azzurra, e del calcio. Presenti i giocatori del Napoli di oggi e tanti spettatori.

 

 

Sabato 22 Gennaio, ore 20:45, Milano, stadio San Siro, emblema del calcio italiano, riconosciuto come “La Scala del calcio“, gli spettatori diventano attori.

 

Atto I. La prima scena vede come protagonisti Insigne e Mertens, dove il giovane napoletano recita il ruolo del bomber, il secondo quello dell’assist man, goal da applausi, Lorenzo sfodera un sinistro imprendibile per Donnarumma, 1 a 0 per Napoli. Ovazione assordante dagli spalti della casa dei diavoli rossoneri.


Lo “Scugnizzo” esce di scena per dare spazio a Callejon, questa volta il bomber lo fa lui, Mertens nel suo ruolo si trova benissimo, e con un assist al bacio fa trovare da solo il compagno davanti alla porta, tocco sotto, la palla gira prima sotto le gambe di Donnarumma e poi va in rete. Poco dopo il Milan e i suoi giocatori rivestono i ruoli di padroni di casa, non ci stanno a far vincere gli “oscar dei goal” ai giocatori del Napoli, infatti anche Kucka si candida, approfitta di un errore di Jorginho, cala l’1-2 che dà speranze ai rossoneri, dopo 45 minuti cala il sipario, fine primo atto.

Atto II. Il copione sembra già scritto ed il titolo è: “tutto il Milan in avanti per trovare il pareggio”. Pasalic ci va vicino colpendo la traversa, è solo un’illusione perché il Napoli resiste e per poco Insigne non trasforma il calcio in uno spettacolo di magia, pescando dal cilindro un pallonetto magico da 49 metri, pochi centimetri più in basso e il pallone sarebbe andato in rete, arricchendo la bacheca degli annali del calcio.
Al 95° Rocchi  decide di abbassare il sipario, il Napoli sbanca la “Scala del calcio” e si porta a casa i 3 punti meritati, ora la Juve è a meno uno, ma deve ancora giocare due partite, la Lazio, almeno per oggi, resta a meno 4.

Insigne vince l’Oscar come “Miglior attore protagonista“.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 22 Gennaio 2017 e modificato l'ultima volta il 22 Gennaio 2017

Articoli correlati

Cultura | 29 Luglio 2019

ARGENTO DI NAPOLI

La Neapolis greca batteva conio quando a Roma si usavano pezzi di rame

NapoliCapitale | 17 Luglio 2019

PATTO PER NAPOLI

22 interventi per il Centro Storico. Si va dagli Incurabili a Palazzo Penne

NapoliCapitale | 15 Luglio 2019

L’EREDITA’ DELL’UNIVERSIADE

Napoli vince la sfida: ora si preservino i 70 impianti ristrutturati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi