lunedì 18 marzo 2019
Logo Identità Insorgenti

SPONSOR DELLA JUVE

I napoletani sfottono De Cecco: “Se rubo un pacco di pasta me ne danno una in omaggio?”

Attualità | 10 Marzo 2019

L’ultima azienda travolta dal boicottaggio dei napoletani è la De Cecco, storico produttore abruzzese di pasta e anche di olio. Motivo del furore, che ha generato numerose promesse di abbandono da parte dei consumatori meridionali tifosi del Calcio Napoli, è la pagina pubblicitaria che la De Cecco, azienda meridionalissima, ha acquistato sul Mattino di oggi, dove compare la foto della pasta “sponsor della Juventus”. Una mossa di marketing maldestra o cosciente di suscitare rumore? Spesso ci assale il sospetto che ormai domini la seconda ipotesi in molti casi…

La buona domenica ai tifosi  oggi ce la dà, per tutti, Maurizio Zaccone, con la foto in alto che simboleggia perfettamente la reazione della tifoseria napoletana alla vista dell’odiata J sull’ultima pagina di quello che considerano il loro quotidiano, il quotidiano della città (immagine che, almeno nell’immaginario comune, resiste…).

“De Cecco, rigorosamente” è il claim dell’azienda che compare sulla loro pagina fb. Che pare quasi uno sberleffo, visto che il tema è l’odiata Signora.

Pagina che – sotto a un post che promette ai consumatori una futura conoscenza con “i vostri campioni”, cioè con i calciatori della Juve – è stata tempestata da centinaia di commenti, soprattutto di tifosi del  Napoli. Che alternano promesse di boicottaggio a battute (e per noi l’oscar va a Giuseppe PioZino Visaggio: “Quindi da oggi se vado al supermercato e rubo un pacco di spaghetti me ne danno uno in omaggio?”). Non tutte concordi però Ad esempio c’è Stefania Perozzi, altra commentatrice, che scrive: “Pubblicizzano il loro marchio. Stop. Protestate per altro e non per queste cavolate. Siamo in Italia di cose per cui preoccuparsi e casomai inorridire ce ne sono tante altre. De Cecco è un ottimo marchio. Indignatevi per altre cose sinceramente. P.S. FORZA NAPOLI”.

Per ora nessuna reazione dell’azienda, che ha lasciato che tutti sfogassero e che probabilmente studia una strategia difensiva: perché di clienti dopo lo spot sul Mattino ne perderà sicuro, almeno a Napoli, piaccia o meno… è una storia che abbiamo visto ripetersi tante volte in questi anni…

La De Cecco è un’azienda Made in Sud, fondata nel 1886 a Fara San Martino (provincia di Chieti) da Filippo De Cecco,  con sede amministrativa a Pescara e impianti produttivi dislocati a Fara San Martino e Caldari (Chieti) che recentemente ha acquisito anche aziende estere (in particolare Russia) che ne fanno il terzo stabilmento produttivo del mondo nel suo settore.

E’ diventata sponsor della Juventus non di recente ma la scorsa estate. Durante la presentazione dell’accordo il Ceo del gruppo De Cecco, Francesco Fattori, spiegava: “È con grande soddisfazione che De Cecco annuncia l’inizio di una lunga Partnership strategica con Juventus, una Partnership inimitabile che si fonda su tre caratteristiche che ci contraddistinguono, ci uniscono e ci rendono unici in Italia e nel mondo: eccellenza, qualità e italianità. La nostra azienda è nel mondo della pasta e del food quello che la Juventus è nel calcio: eccellenza assoluta. Abbiamo entrambi una storia più che centenaria di qualità e di successi legati al nostro impegno quotidiano a dare sempre e solo il massimo ai nostri “tifosi”, quando sono a tavola e sul campo”.

De Cecco, dunque, già dalla scorsa estate è Partner globale della Juve, beneficiando della visibilità televisiva garantita da gare trasmesse in tutto il mondo. E insieme a De Cecco, sono ben 37 gli sponsor della Juve: alcuni li portiamo tra le mani o ai piedi, visto che si va dalla Adidas alla Samsung. Alcuni fanno parte del nostro quotidiano (Sky ad esempio ma anche Frecciarossa).

Per questo non siamo sicurissimi che la strada sia il boicottaggio di qualsiasi sponsor delle squadre avversarie… o magari si, magari un altro mondo è possibile… ?

 

 

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 10 Marzo 2019 e modificato l'ultima volta il 10 Marzo 2019

Articoli correlati

Attualità | 18 Marzo 2019

IDENTITÀ

L’adesivo Santo Diego: “Maradona proteggici” tra recupero della memoria e napoletanità

Attualità | 18 Marzo 2019

IL CASO

Il direttore di Paestum chiude il profilo facebook dopo la strage in Nuova Zelanda

Attualità | 17 Marzo 2019

IL DIVIETO

Cartelli a Capodimonte vietano l’ingresso alle guide nei giorni gratuiti. E’ rivolta contro Bellenger

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi