giovedì 14 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

SPUTTANAPOLI ATOMICO

Quel video di Repubblica per farsi del male. Ma se fosse accaduto a Milano?

DueSicilieOggi, Italia, NapoliCapitale | 6 Febbraio 2014

 

scippo extracomunitario napoli

 

Oggi ho fatto una cosa diversa, mi sono collegata al sito “Cronaca Milano” ed ho letto nell’ordine : – Aggressione con mannaia stazione centrale ( lite a colpi di arma da taglio da 30cm tra un algerino e un tunisino); – Sedicenne pestato a sangue e rapinato alle 14,30 in piazza della Repubblica. Più in basso la pagina dice ” leggi anche”: – Rapina bar via Aselli, MILANO, elenco rapine e furti dell’ultima settimana nella nostra città; – Ragazzo boliviano rapinato in via Ronchi ,MILANO, rubati contanti, cellulare e permesso di soggiorno; – Rapine a MILANO, via Ripamonti e viale Abruzzi; – Furto collezione Scervino via Manzoni ,MILANO, l’ennesima nel quadrilatero della moda; – Furto negozio via Torino, MILANO, soldi rubati dalla cassa in pieno sabato pomeriggio; – Rapina farmacia viale Ungheria, MILANO; – Duplice rapina ufficio postale via Saccardo, MILANO, a distanza di poche ore. E poi ancora una sfilza di altri scippi, furti, rapine, spaccio e chi più ne ha più ne metta. Ma come si farà mai a vivere in una città così? E i milanesi? Guardano impassibili? Allora sono complici! Perché tacciono senza ribellarsi? Allora è tutta colpa loro!?
Questi sarebbero stati i commenti dei più se quanto ho descritto fosse accaduto nelle strada non di Milano o Brescia o Torino, bensì in quelle di Napoli. Qui i milanesi sono vittime , noi saremmo stati i colpevoli…ed eccone immediatamente la prova: basta accendere la tv o passare ai social che comincia lo sport nazionale per eccellenza. Il calcio? Eh no, lo SPUTTANAPOLI. Sì, perché se di quanto accade a Milano e dintorni quasi non vi è traccia, i media nazionali non perdono occasione per rivolgere il loro sguardo attento (?) a ciò che invece si verifica qui giù : ed ecco il video del giorno imperversare ovunque ,tra web e tg nazionali, pronto a puntare come sempre il dito contro Napoli e napoletani.
La scena è più o meno questa : vicolo del centro storico, scippatore in scooter trascina in terra la sua vittima e poi cade a sua volta anche grazie all’intervento provvidenziale di un impavido ragazzo di colore. Poi gente che accorre in soccorso, sia della donna vittima del misfatto ,che dello scippatore finito in terra; il ragazzo di colore che gesticola forse per spiegare l’accaduto agli astanti e poi tenta invano di bloccare la fuga del delinquente , tornato in sella al suo scooter ( e arrestato poi qualche ora più tardi). Apriti cielo!!! ” Siete un popolo di merda!”; “camorristi!”; “la rovina dell’ italia siete, bastardi!”; ” pensavano più al ladro che alla donna scippata!”; “dovete solo crepare tutti, siete feccia! “… e l’ormai immancabile ” Vesuvio pensaci tu!”. Per non parlare poi di quei tipici commenti da lobotizzati meridionali, vittime di un lavaggio del cervello che ancora, purtroppo, miete vittime fra noi…colonizzati mentali che nulla sanno fare se non lagnarsi tutto il tempo e addossarsi colpe non loro, anziché informarsi un po’, e passare magari dal divano alla piazza per contribuire fattivamente alla nostra ” riscossa” !!! Ah,ve li risparmio (i commenti) ma sono certa che ne avete inteso il genere.
Ma forse neanche chi commenta così ha particolari colpe : del resto Napoli è da sempre il bersaglio preferito di una macchina mediatica gestita da gruppi editoriali del nord, col solo scopo di attibuirci colpe di chi ci governa… vogliono farci credere che la camorra siamo noi, mentre sono loro stessi, dagli scranni del governo, a trattare con le mafie! Inevitabilmente quindi molti credono, privi di qualsivoglia autonomia critica, a tutto ciò che dai media viene spacciato per VERO. Una cosa comunque è certa : pochi tra quelli che commentano, hanno realmente visto il video…i più si sono fermati evidentemente al titolo. Già, perché io invece quel video l’ho visto e come, forse 5-6 volte, con la speranza di capire quali scene avessero scatenato cotanta INDIGNAZIONE.
Eppure niente, di tanto schifo raccontato, dell’indifferenza e omertà cui hanno tacciato i rappresentanti del popolo napoletano presenti sulla scena del crimine, non trovo NULLA.ZERO. Vedo anzi tanti, tra passanti e commercianti, accorrere nella strada che appariva prima semi deserta; vedo questi preoccuparsi e soccorrere si anche lo scippatore, ma perché in terra e ferito… Mi pare lapalissiano che molti non avessero nemmeno capito cosa fosse successo…confondendo lo scippo con un banale incidente. Il ragazzo di colore gesticola, parla, tenta di fermare il tipo in scooter …ma non possiamo sapere cosa stesse tentando si spiegare a chi era lì presente. Del resto anche la vittima appare silenziosamente in disparte, ovviamente sotto shock. Quella gente poi forse capisce l’accaduto e resta sgomenta, impaurita…magari non ha la prontezza che avrebbero altri (?) nella stessa situazione, ma non scappano, non fanno finta di non vedere : si nota qualcuno agitarsi come per chiamare aiuto, una donna al telefono ( per chiamare le forze dell’ordine? )… gli altri lì un po’ impacciati, forse combattuti, ma assolutamente nessuno appare indifferente! Tanto da casa siamo tutti bravi, tutti eroi da strapazzo, eh? Mi sarebbe piaciuto vederli, i rambo del web, in azione sul serio…lì, insieme al coraggioso ragazzo di colore, magari a beccarsi una coltellata o peggio , per fermare il delinquente di turno che poi , pochi giorni dopo, sarebbe stato
con ogni probabilità di nuovo libero in strada…ahimè le carceri sono piene! Se chi commenta può essere in parte assolto, chi è invece artefice ormai consolidato dello sputtanapoli, no! Non ne possiamo più di chi ci dice che la colpa è sempre e solo nostra, della nostra inciviltà, della nostra insofferenza alla legalità, del nostro scarso rispetto per le istituzioni. Ma di cosa mi meraviglio? È solo di ieri la notizia dell’assoluzione di Bassolino e Impregilo per la questione rifiuti! I commissari non sono stati in grado di svolgere il proprio lavoro a causa della troppa RESISTENZA delle popolazioni coinvolte.
Noi abbiamo inventato la raccolta differenziata nel lontano 1836 eppure è colpa nostra se ci ritroviamo le strade invase di rifiuti, anche se percepiamo dallo stato meno di un terzo di quanto percepisca ogni singolo abitanti delle regioni settentrionali! Colpa nostra se i rifiuti tossici industriali (del nord) venivano sversati qui sebbene attraversassero tutto lo stivale su tir con tanto di bolle di accompagnamento, passando attraverso decine di caselli e sotto innumerevoli telecamere autostradali, a volte addirittura con la scorta! Per non parlare del fatto che lavorassero in tutta tranquillità sebbene i territori tra Napoli e Caserta fossero presidiati da esercito e forze dell’ordine da oltre vent’anni (vedi operazione “partenope” e ” strade pulite”)! Colpa nostra se abbiamo le tariffe RCA più care d’Italia sebbene il maggior numero di sinistri stradali avvenga da tutt’altra parte (nord)! Colpa nostra se siamo disoccupati, siamo in effetti talmente sfaticati da emigrare in giro per il mondo in cerca di lavoro…guarda caso da 150 anni a questa parte! Insomma basta, la camorra siamo noi? ok… però voi milanesi, torinesi, veronesi ecc. siete italiani…e, al posto vostro, io mi offenderei seriamente.
Floriana Tortora 
Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 6 Febbraio 2014 e modificato l'ultima volta il 25 Settembre 2014

Articoli correlati

Campania | 26 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli sono i campioni del Sud: è Nine Bowl!

Campania | 18 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli respingono l’arrembaggio e battono i Pirates Savona: è finale!

Campania | 11 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

Briganti Napoli, terzo trionfo con i Grifoni Perugia: si va in semifinale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi