fbpx
domenica 29 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

SPUTTANAPOLI D’OLTREMANICA

Quando una notizia (falsa) di calciomercato diventa pretesto per colpire Napoli.

Europa, Identità, NapoliCapitale, Sport | 3 Maggio 2014

danny welbeck

 

Il club di una delle roccaforti della massoneria spinge affinché il Napoli debba fare un’offerta al Man United e a Welbeck : questo matrimonio “s’ha da fare”, dicono da Manchester!

E’ di queste ore la notizia di calciomercato secondo la quale i dirigenti del Manchester United, squadra di una città già non bellissima, ma soprattutto, come tutta l’Inghilterra, molto legata ad un certo tipo di poteri forti meglio noti col nome di “Massoneria”, avrebbero incontrato il d.s. Riccardo Bigon, spingendo fortemente affinché questi facesse loro un’offerta per portare Welbeck all’ombra del Vesuvio.

Amici inglesi, scusate, perché vi siete indignati? Perché vi ho accostati alla Massoneria? State dicendo che l’ Inghilterra non è una roccaforte della Massoneria ? Non è forse la vostra Londra  la capitale delle logge massoniche europee, e non fu proprio a Londra che avvenne l’inizio formale della massoneria il 24 giugno del 1771? Sbaglio, forse? Ma che fine ha fatto il vostro celebre “sense of humor? Ho usato,in riferimento all’accordo, la celebre frase che, nei “Promessi Sposi” del Manzoni, i bravi rivolgono a Don Abbondio (privata della particella “non”)… e allora? Qual è il problema? La gente non ha il diritto di sentirsi offesa. Se non riescono a capire una battuta, anche se possibilmente offensiva, non è un mio problema.

No, non siamo impazziti. Siamo solo stufi, stufi di dover rispondere sempre le stesse cose  a chi ci denigra utilizzando la solita banalità dei più insulsi luoghi comuni su Napoli: è l’ennesimo caso di SPUTTANAPOLI, proveniente, stavolta , addirittura da quella terra un tempo nota come” perfida Albione”, evidentemente non a caso. Il trucchetto ormai lo conosciamo bene: parlare di Napoli- possibilmente male- fa notizia, accostarla poi alla mafia, ancora di più: lo si è capito perfettamente quando abbiamo affrontato l’argomento tempo fa, notando che, molti prodotti alimentari tipici italiani, vendono meglio all’estero quando adottano nomi che richiamano il malaffare(Caffè “Mafiozzo“, pasta “Mafia“, sugo piccante rosso sangue “Wicked Cosa Nostra”,ecc.) stranezze del marketing, ma tant’è. E, siccome pare chiaro che il trucchetto lo abbiano imparato un po’ dappertutto, tanto da far utilizzare tale strategia al solo fine di rendere interessante e appetibile una notizia che ha tutti i presupposti per essere meglio definita come “bufala”, abbiamo deciso di rispondere al giornalista Barry Glendenning di The Guardian, esattamente come avete letto nella prima parte di questo articolo: riprendendo le sue cazzate pari pari e adattandole, ovviamente, al contesto inglese. Una trasposizione che, siamo sicuri, qualora fosse accaduta realmente a parti inverse, avrebbe scatenato l’ira delle istituzioni, non certo solo quelle della Società Calcio Napoli, dei tifosi,del web e del movimento Neoborbonico (che si sta giustamente adoperando per adire alle vie legali). Ci chiediamo infatti perché mai non vi sia ancora notizia di una presa di posizione da parte del sindaco De Magistris, forse più occupato a concedere cittadinanze onorarie che non a difendere il buon nome della sua città, cosa che, in termini di ritorno economico,gioverebbe senz’altro di più a Città e cittadini tutti: Napoli è molto frequentata da turisti inglesi, come si fa a non tutelarsi dall’eventuale danno d’immagine che una cosa del genere potrebbe provocare? Oppure, magari, uno scatto dettato dalla dignità, dall’orgoglio ferito ingiustamente, mai,eh?Identità, questa sconosciuta.

 

Tornando al nostro “gioco”, è doveroso ricordare che realmente la massoneria inglese ebbe un ruolo decisivo nella nefasta unità italiana, con un finanziamento di tre milioni di franchi che consentì di acquistare  tutte le armi necessarie ai Mille dell’altro massone Garibaldi,e, sopratutto, di corrompere i generali dell’esercito borbonico, oltre che di monitorare costantemente l’impresa. Del resto, l’esposizione del Piemonte nei confronti di Banque Rothschild, mise Cavour in condizione, davvero, di “non poter rinunciare”all’offerta… e, stavolta, il riferimento alla famosa citazione tratta da “Il Padrino” è più che azzeccato, nonché fortemente voluto.

Floriana Tortora

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 3 Maggio 2014 e modificato l'ultima volta il 26 Settembre 2014

Articoli correlati

Europa | 10 Aprile 2020

L’ACCORDO

Eurogruppo: sì Mes, no Eurobond. L’Italia cede ai ricatti dell’establishment?

Europa | 28 Marzo 2020

LA RIFLESSIONE

Se il covid smaschera il fallimento dell’Europa politica

Europa | 5 Settembre 2019

L’ANALISI

Occupazione dei neolaureati: Italia all’ultimo posto in Europa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi