martedì 2 marzo 2021
Logo Identità Insorgenti

SU SKY ARTE

Il 30 dicembre una puntata dedicata a “Nero a Metà” di Pino Daniele su “33 giri”

Musica | 17 Dicembre 2020

Su Sky Arte, il 30 dicembre, nel programma di 33 Giri – Italian Masters, la puntata sarà interamente dedicata a Pino Daniele e al suo “Nero a metà”, per chiudere la trasmissione e l’anno nel segno dell’identità musicale partenopea.

La serie, scritta dall’autore Edoardo Rossi, realizzata da Except con la produzione esecutiva di Maurizio Vassallo, racconta gli album che hanno segnato la storia della musica italiana. Dischi indimenticabili diventati pietre miliari della nostra discografia. Direttamente dagli studi di registrazione per riaprire le bobine con i master originali delle canzoni interpretate e scritte dalle più grandi firme della musica italiana.

Terzo album di Pino, album che quest’anno ha compiuto 40 anni, Nero a metà è il disco della definitiva maturazione ed affermazione a livello nazionale del cantautore partenopeo che – coadiuvato da ottimi musicisti della scena napoletana – crea un’opera innovativa anche dal punto di vista musicale, al di fuori degli schemi allegramente blueseggianti cui il pubblico di Pino Daniele era ampiamente abituato. Con Nero a metà, Pino Daniele aveva dimostrato di aver raggiunto la piena maturità artistica e di aver trovato la perfetta alchimia tra rock, blues, melodia napoletana e canzone d’autore. I brani “Nun me scuccià” e “Sotto ‘o sole” recano la firma anche del batterista Mauro Spina.

Come si può leggere nelle note di copertina, l’album è dedicato al cantante degli Showmen Mario Musella, scomparso poco prima della pubblicazione del disco, definito da Pino Daniele “Nero a metà” in quanto figlio di madre napoletana e di padre nativo americano (in Italia per via della guerra).

Ma non solo. «Il titolo “Nero a metà”, legato ad un concetto musicale – spiegò lo stesso Pino Daniele – fu anche inspirato da un bellissimo libro che uscì negli anni 70, “Nero di Puglia” che è la storia di un uomo di colore che nasce nel sud, un po’ come la storia del mio amico James Senese, inutile dire che per me il pezzo più bello è “Quanno chiove”, una delle mie prime canzoni d’amore… tanto l’aria s’adda cagna’! C’era tanta voglia di cambiare le cose e la musica ci aiutava molto».

L’album vendette oltre 300.000 copie ed è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 17. Nel 2009 (quando la FIMI ha iniziato le rilevazioni) ha conquistato il Disco d’Oro per le oltre 25mila copie vendute.

Da qualche settimana è disponibile Nero a metà – 40th anniversary album, la ristampa dello storico disco.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 17 Dicembre 2020 e modificato l'ultima volta il 17 Dicembre 2020

Articoli correlati

Musica | 13 Febbraio 2021

Un anno fa ci lasciava Franco Del Prete, anima della Neapolitan Power

Musica | 6 Febbraio 2021

La festa giamaicana dedicata a Bob Marley. E quel concerto al San Siro con Pino Danele come supporter

Musica | 29 Gennaio 2021

Un documentario e un nuovo disco: il 2021 di James Senese