fbpx
lunedì 23 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

SU SKY ARTE

Le sette meraviglie di Napoli: dalle ville vesuviane alla città Barocca con la voce narrante di Mimmo Borrelli

NapoliCapitale | 9 Settembre 2020

Sette Meraviglie, la serie Sky Original che racconta la scoperta dei grandi simboli del patrimonio artistico italiano realizzata con le più moderne tecniche di ripresa, dedica la sua nuova stagione alle suggestioni di Napoli. In onda in prima visione su Sky Arte (canale 120 e 400 di Sky) tutti i giovedì dal 10 settembre, la serie, in sette episodi, è un viaggio attraverso i secoli nei luoghi più straordinari della città partenopea. Un racconto che mette in luce il carattere della città fatto di contrasti: del mare del Golfo e del fuoco del Vesuvio, di incredibili chiese e di sommersi culti pagani, di bellezza estatica e vitalismo sfrenato.Ed è proprio dall’incontro di tutte le anime che la abitano che Napoli prende vita per diventare quell’incrocio di arte, natura e popolo che non ha eguali al mondo.Gli appuntamenti sono dedicati alle bellezze archeologiche e storiche della città: da Capodimonte ai Quartieri Spagnoli, dal Medioevo al Rinascimento senza tralasciare un paesaggio naturale reso unico al mondo dalla convivenza tra il mare e la potenza di fuoco del Vesuvio. Voce guida di questo itinerario che si dipana nei secoli e racconta di mare, palazzi e aneddoti, un narratore che a Napoli è di casa: l’attore e regista Mimmo Borrelli. Ecco a cosa saranno dedicate le puntate.

DA VIRGILIO A SAN GENNARO – in onda il 10 settembre alle 21.15. Un viaggio in una Napoli pagana e cristiana nella quale il poeta Virgilio, mago e protettore della città, passa il testimone a San Gennaro, il santo a cui si parla ‘da uomo a uomo’ come diceva Totò. Tra castelli, leggende, magnifiche chiese e tesori si indaga il bisogno di protezione dei napoletani che produce opere d’arte di bellezza incomparabile.

CASTEL NUOVO. LA NAPOLI MEDIEVALE – in onda il 10 settembre alle 21.50. LaNapoli medievale è una città in grande movimento. In quel periodo calcano il palcoscenico della città: Giotto, Giovanni Boccaccio, Petrarca e Tommaso D’Aquino. Nella seconda metà del Duecento, un’importante famiglia europea, i francesi d’Angiò, conquistanoNapoli per farne una capitale del Mediterraneo. Castel Nuovo, oggi noto come Maschio Angioino, diviene il simbolo del nuovo potere così come altre chiese e opere d’arte legate agli influssi del gotico internazionale.

IL RINASCIMENTO a Napoli – in onda il 17 settembre alle 21.15. Tra il Quattrocento e il Cinquecento un pezzo di Firenze arriva a Napoli grazie all’influsso e all’apertura della città messa in atto dai governanti Aragonesi. È una stagione in cui il Rinascimento si affaccia nella città partenopea soprattutto grazie all’architettura e alla scultura e lascia a Napoli alcuni capolavori di artisti di area toscana tra i quali Donatello e Giorgio Vasari.

LE ANIME DI NAPOLI E IL CRISTO VELATO – in onda il 24 settembre alle 21.15. Capolavori immortali e opere d’arte collettive, mausolei nobiliari e fosse comuni, a Napoli alla morte vi sono fantasiose e straordinarie reazioni che vanno dal povero al ricco, dal credente al superstizioso. Il Cimitero delle Fontanelle, dove il culto delle anime Pezzentelle raggiunge i suoi massimi esiti, e la Cappella Sansevero sono i due estremi di quel dialogo tra vivi e morti che fa di Napoliuna città immortale.

I QUARTIERI SPAGNOLI E LA NAPOLI BAROCCA – Il 1° ottobre, sempre alle 21,15 si entra nella Naoli del Seicento, una città governata dai Vicerè, ricca di tensioni sociali ed espressioni artistiche. Una polveriera in cui esplodono i luminosissimi fuochi d’artificio di Caravaggio e Masaniello. Due figure che paiono distanti e che invece Napoli riesce a tenere insieme grazie a quella vena di follia e di ribellione che corre sottotraccia tra chiese, palazzi e strade.

LA REGGIA DI CAPODIMONTE. LO SPLENDORE BORBONICO – L’8 ottobre alle 21,15 si parlerà della Reggia di Capodimonte. nata come casino da caccia del Borbone, poi trasformata in museo per ospitare le collezioni Farnese provenienti da Parma, e in seguito residenza di Gioacchino Murat e della moglie Carolina Bonaparte. La Reggia di Capodimonte porta i segni di un pezzo di storia di Napoli e racconta come Carlo di Borbone e i suoi successori abbiano fatto di questa città una delle capitali d’Europa nel Settecento.

LE VILLE VESUVIANE. NAPOLI TRA MARE E FUOCO Infine il 15 ottobre alle 21,15: dalla sirena Partenope alle ville del Miglio d’oro, edifici, miti, dipinti rivelano il rapporto della città con la natura che la circonda. Napoli tra mare e fuoco racconta un luogo che ha costruito la sua grandezza nei secoli anche per merito di un paesaggio unico al mondo.

Sette Meraviglie Napoli è una produzione Sky Original realizzata da Ballandi Arts per Sky Arte. In onda tutti i giovedì dal 10 settembre alle 21.15, è disponibile anche on demand su Sky e in streaming su Now TV.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 9 Settembre 2020 e modificato l'ultima volta il 9 Settembre 2020

Articoli correlati

NapoliCapitale | 5 Settembre 2020

COLONIALISMO

Giannola, presidente Svimez: “Scippati 60 miliardi all’anno al Sud”

Beni Culturali | 12 Agosto 2020

SOLO IL NORD

Piano per i Beni Culturali: appena 3 milioni al Sud sui 100 stanziati

NapoliCapitale | 25 Luglio 2020

LA SENTENZA

Il Tar respinge il ricorso di Chiaia Viva e Vivibile. Le concessioni suolo sono legittime

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi