giovedì 13 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

SU STRISCIA

Servizio sulla più grande piazza di spaccio d’Italia, in Brianza. E l’inviata cita, a sproposito, Scampia

Sputtanapoli | 26 Set 2018

Striscia la notizia ieri sera è andata nel parco delle Groane in Brianza, in quello che per l’inviata è il “boschetto della droga”. Il sindaco di Ceriano Laghetto spiega la problematica dei tossici che vengono da tutta la regione e del giro d’affari cospicuo ma subito viene dato spazio alla lodevole iniziativa messa in atto da Asha, la giovane assessore alla cultura del piccolo comune che suona il violino per “disorientare”(?) spacciatori e tossici e farli finire nelle mani delle forze dell’ordine (1 poliziotto della municipale che effettua un controllo su un consumatore). Conclusasi la “massiccia operazione antidroga” Rajae Bezzaz, l’inviata, chiede ad Asha Fusi se il sistema funziona, così magari vanno anche a Scampia, dove peró “servirebbe tutta l’orchestra del San Carlo” non certo un violino.

Alla redazione di Striscia e all’inviata andrebbe ricordato che sono capitati nella più grande piazza di spaccio d’Italia

https://www.iene.mediaset.it/2018/news/bosco-droga-sindaco-antispaccio-salvini-esercito-video_173068.shtml

come lo stesso sindaco di Ceriano prova da anni a spiegare, a due passi dal bosco di Rogoredo che si contende il primato con il Parco delle Groane.

https://www.milanopost.info/2018/08/23/milano-sempre-piu-capitale-dello-spaccio/

con spacciatori armati di pistole e machete

http://www.milanotoday.it/cronaca/droga-parco-groane.html

Spaccio e omicidi nel regno della droga non da oggi. Da 30 anni, come scrive Il Corriere della Sera che riesuma articoli del 1989

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_24/parco-groane-spaccio-omicidi-ecco-nuova-trincea-droga-42f0e0dc-28ad-11e7-a532-a1780cddea55.shtml

L’inviata farebbe bene poi ad aggiornarsi su Scampia presso le forze dell’ordine e la magistratura e non guardando Gomorra, che celebra una Scampia di oltre 10 anni fa che nel frattempo è cambiata. Non è guarita, per carità, lo spaccio esiste purtroppo ancora in tutta Napoli e provincia, ma non c’è paragone, riferendosi a Scampia, con le immagini che resistono in fiction e che fanno il giro del mondo.

https://napoli.fanpage.it/qual-e-la-vera-scampia-la-differenza-tra-il-racconto-tv-e-la-realta/

Se peró vi consola pensare che ogni problema al nord è poca cosa perché tanto a Napoli stiamo sempre messi peggio, contenti voi. E chissà che magistratura e forze dell’ordine giù da noi non si convincano che blitz, arresti, intercettazioni e massicce operazioni antidroga non siano un inutile spreco di energie, quando in fondo basterebbero 5/6 violini. C’è sempre da imparare effettivamente…

Maurizio Zaccone

 

Identità Insorgenti

Identità Insorgenti è un giornale on line che rappresenta un collettivo di scrittori, giornalisti, professionisti, artisti uniti dalla volontà di una contronarrazione del Mezzogiorno.

Articoli correlati

Sputtanapoli | 10 Ott 2018

PURE SULLO ZUCCHERO

Il Padrino e la pistola: così in Grecia viene rappresentata Napoli. E Kiss Kiss lancia la campagna #VivereaNapoliè

Attualità | 4 Ott 2018

IL SOLITO LIBERO

Migranti, colera e Napoli in un solo titolo. Però succede a Caserta (e nel resto d’Europa)

Attualità | 23 Set 2018

PACE SENZA SENSO

Brambilla a Napoli, tra pizze fritte e selfie: ma il fenomeno dei “portoghesi” non è solo partenopeo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi