martedì 16 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

Dieta a Zona | Nel vesuviano la nota alimentazione di Barry Sears

News, Sport | 14 Novembre 2017

Dopo il successo che ha proiettato Barry Sears in giro per il mondo, è arrivata anche nel capoluogo campano la famosa “Dieta a zona”, un’alimentazione che per molti operatori ha letteralmente rivoluzionato il settore della nutrizione. Ad esportarla nel vesuviano è il Personal Trainer napoletano Massimo Cataldo, professionista di stampo internazionale nel settore benessere, titolare del centro Team Brigante di San Sebastiano al Vesuvio e Personal Trainer ISSA da oltre trenta anni.

L’esperto ci definisce la Dieta a zona come “una dieta che non fa morire di fame e che lavora sugli ormoni che fanno ingrassare, facendoci di conseguenza stare bene. Difatti noi lavoriamo solo ed esclusivamente per favorire il nostro benessere fisico e psicologico”.

La “Dieta a zona” non si basa sul calcolo delle calorie ma sull’indice glicemico degli alimenti. Con essa si tende a consumare meno carboidrati bianchi per favorire l’integrazione di altri carboidrati derivanti da frutta e vegetali. La sua caratteristica fondamentale è basata da una serie di rapporti sviluppati durante i pasti: 40% proteine, 30% grassi e 30% carboidrati; tutti fondamentali per il raggiungimento della “Zona”, identificata come il momento di maggior benessere del corpo, in cui il metabolismo, e ogni funzionalità del corpo, è al suo massimo.

Lo scorso 12 Ottobre il biologo statunitense ha fatto tappa nel comune vesuviano prima di recarsi a Roma per fare da ospite alla nota trasmissione “Porta a Porta”. E’ stata l’occasione per conoscere finalmente la sua dieta, ormai popolarissima in giro per il mondo. Il lavoro del biologo statunitense è stato così trasmesso anche agli operatori italiani, i quali hanno ritenuto la dieta un’ottima proposta per il settore benessere. Il personal ISSA Francesco Cataldo, ci offre il suo punto di vista da operatore del settore:

“La “Dieta a Zona” la vedo un’ottima alimentazione, visto anche il fatto che nasce come depurativo in condizioni di malattie gravi come il cancro, rimettendo in funzione le regolarità del corpo, ed eliminando scorie e tossine. Per prevenire queste gravi patologie consigliamo la dieta zona, pensandola in primis come una corretta alimentazione e poi come una dieta vera e propria.”

Un successo internazionale, quello del biologo americano e della sua “Dieta a Zona”, che non poteva non fare tappa e omaggiare il territorio campano, patria di una delle diete più famose, equilibrate e celebrate del mondo.

Diventa fan del Vaporetto per tutte le news sulla tua città, clicca qui e seguici sulla nostra pagina!

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 14 Novembre 2017 e modificato l'ultima volta il 14 Novembre 2017

Articoli correlati

Attualità | 10 Luglio 2019

ILVA TARANTO

Nulla di fatto al vertice Mise, intanto la Procura spegne l’altoforno 2

News | 17 Maggio 2019

Parco della Marinella, entro l’anno i lavori di riqualificazione

News | 16 Maggio 2019

VIDEO | Accorinti, già sindaco di Messina: “Salvini? Un nazi-fascista”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi