lunedì 24 febbraio 2020
Logo Identità Insorgenti

TEATRO SAN CARLO

Valčuha inaugura la Stagione di Concerti con Ligeti e Mahler

Musica | 10 Ottobre 2019

Dalle profondità spaziali misteriose della musica di Ligeti, al mal de vivre elegante e disincantato: questa sarà la cifra che impagina il concerto inaugurale della Stagione di Concerti 2019-2020, diretto, come da tradizione, da Juraj Valčuha sul podio dell’Orchestra del Teatro di San Carlo.

Si alza il sipario, dunque, sabato 12 ottobre (ore 20.00; in replica domenica 13 ore 18.00) sulla nuova stagione, ricca di novità, originalità e nomi di assoluto prestigio, con l’esecuzione di Lontano composizione per grande orchestra scritta nel 1967 da György Ligeti, accostata a un altro capolavoro della letteratura di tutti i tempi: Das Lied von der Erde ovvero Il canto della terra alla cui scrittura Gustav Mahler si dedicò tra il 1907 e il 1908, per non poter mai assistere alla prima esecuzione che avvenne nel 1911 a sei mesi dalla sua morte.

La pagina ligetiana, che come è noto fu presa a piene mani da Kubrick per il proprio Shining, è un continuo alternarsi di zone scure e luminose, dalle quali si elevano frammenti sonori dai timbri più chiari per poi ripiombare in un magma proteiforme sottostante. Infatti, dopo un momento di massima intensità dell’ultima e più complessa sezione, la partitura si sposta nella zona grave dei registri, per spingersi, in conclusione del brano, nella completa rarefazione del suono.

La musica e l’idea di Das Lied von der Erde, invece, parte principalmente da una suggestione letteraria, in cui gli elementi biografici hanno un peso ma non sono determinanti.

Infatti, è il 1907 quando Mahler perde la primogenita e il suo cuore rivela malformazioni invalidanti, ma la sua ispirazione per questo grande affresco sulla condizione umana, gli viene da un’antologia di liriche cinesi di epoche diverse dal titolo – tradotto in tedesco – Die Chinesische Flöte (Il Flauto cinese).

Il compositore boemo scelse sette poesie tutte risalenti all’epoca T’ang (618 – 907 d.c.) e le musicò, ricavando i sei numeri in cui si struttura l’intero ciclo del Canto della terra (l’ultimo capitolo accorpa i testi di due distinti componimenti poetici).

Interpreti per Il canto della terra il contralto Daniela Sindram e il tenore Eric Cutler.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 10 Ottobre 2019 e modificato l'ultima volta il 10 Ottobre 2019

Articoli correlati

Musica | 15 Febbraio 2020

IL VIDEO

Liberato e Robert Del Naja: We come From Napoli

Musica | 14 Febbraio 2020

L’ADDIO

Ci ha lasciati Franco Del Prete, fondatore dei Napoli Centrale e degli Showmen

Musica | 13 Febbraio 2020

L’EVENTO

A piazza Plebiscito cantata per Fabrizio De André il 18 febbraio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi