sabato 8 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

TRA STORIA E MITO

NarteA ricorda “L’ultimo degli Svevi” tanto caro a Napoli

Cultura, Eventi, NapoliCapitale, Storia, Teatro | 25 Ottobre 2015

Nartea - L'ultimo degli Svevi

Si è concluso oggi l’impegnatissimo weekend dell’associazione culturale NarteA che, dopo aver inaugurato il progetto ShowFood venerdì e aver dato il via alla nuova stagione de “Il Testamento di Pietra” sabato, stamattina alle 10:30 ha proposto la rivisitazione in chiave teatralizzata del mito romantico del “fiore purpureo di Svevia”. Parliamo dell’ultimo discendente di Federico II di Svevia ovvero Corrado V di Hohenstaufen, chiamato per la sua esile e giovane figura Corradino, che all’alba del 29 ottobre 1269, a soli 16 anni, fu giustiziato pubblicamente al Campo Moricino, luogo dove oggi sorge la chiesa di Sant’Eligio nei pressi di piazza Mercato.

In prossimità della ricorrenza della sua tragica morte, NarteA ha dunque celebrato il re morto troppo giovane con una visita guidata teatralizzata che, partendo proprio dalla chiesa di Sant’Eligio, è giunta fino alla basilica del Carmine dove tuttora riposano le vestigia di Corrado V. Scopo del percorso teatralizzato, condotto dagli attori professionisti di NarteA, era di narrare la storia della dominazione sveva e di conseguenza l’importanza che Napoli occupava nel Medioevo: da Sant’Eligio alla vicina piazza Mercato fino alla basilica del Carmine, nei cui pressi è eretta la statua del fiore purpureo di Svevia.

L’associazione culturale NarteA torna dunque a istruirci sulla storia della nostra città attraverso un mito tragico e romantico al tempo stesso, una storia che ci ricorda ancora una volta quanto Napoli sia stata una città assolutamente centrale nella storia e quanto il suo popolo sia stato a sua volta determinante: il 29 ottobre 1269 segnò la fine del casato di Svevia, ma il sacrificio del giovane rampollo della sua famiglia costò a Carlo d’Angiò l’odio dell’intera popolazione napoletana.

Lorenzo Pierleoni

 

Un articolo di Lorenzo Pierleoni pubblicato il 25 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 25 Ottobre 2015

Articoli correlati

Attualità | 23 Aprile 2021

Campania verso la zona gialla: il monologo di De Luca del venerdì

Campania | 21 Aprile 2021

Vaccini, la Campania completa quelli per gli over 80 deambulanti

Attualità | 19 Aprile 2021

Da oggi la Campania è arancione: cosa si può fare e cosa no