fbpx
domenica 24 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

TRADIZIONI

Sant’Antuono, la giornata mondiale del pizzaiuolo si festeggerà: ecco gli appuntamenti

Agroalimentare | 14 Gennaio 2021

La giornata mondiale del pizzaiuolo si festeggerà. Anche quest’anno, nonostante il covid. Anzi ancora di più, perchè  quest’anno si veste di grande significato simbolico con il tradizionale “focarone” che avrà l’obiettivo propiziatorio di scacciare il virus.

L’Associazione Pizzaiuoli Napoletani non si ferma ed ha organizzato anche per quest’anno il tradizionale “focarone” per il 17 gennaio prossimo, nella giornata di Sant’Antuono che da tre anni coincide con la giornata mondiale del pizzaiuolo.

Il valore simbolico del “focarone”

“Un appuntamento  che quest’anno rinuncia ai momenti di divertimento e svago per concentrarsi proprio sul rito propiziatorio per l’anno nuovo: sul fuoco che può sconfiggere la malattia e restituire, al contempo, serenità ai pizzaiuoli”, spiega il Presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, Sergio Miccù, che aggiunge: “Gli ingredienti ci sono tutti: l’anno appena iniziato, la giornata dedicata al pizzaiuolo e il fuocarazzo, simbolo della potenza del Santo capace, con le fiamme, di guarire gli uomini dalle malattie e dalle afflizioni”.

La giornata vedrà protagonista un’iniziativa di beneficenza con la preparazione e la consegna di 300 pizze per i più bisognosi.

“I pizzaiuoli prepareranno le pizze per alcune associazioni di volontariato e di carità che fanno capo ai frati francescani nella città di Napoli – spiega Padre Francesco Piccolo, Frate minore di Napoli – Le pizze saranno consegnate ai poveri e bisognosi, l’Associazione ‘La Locomotiva’, che opera presso il Convento dei frati francescani ‘La Palma’, nel Rione Sanità, che ospita circa ottanta senza fissa dimora, il gruppo di volontari della carità che fa capo ai frati del Convento di San Pietro ad Aram a Corso Umberto I, che si prende cura dei poveri alla Stazione centrale di Piazza Garibaldi, e gli operatori Caritas che si prendono cura delle famiglie povere del quartiere San Giuseppe nella zona del Monastero di Santa Chiara”

Frate Pio Avitabile, della Casa San Pietro, sottolinea: “Nonostante la grave situazione di emergenza covid di questi mesi, nel convento di San Pietro ad Aram in Napoli presso la stazione centrale di piazza Garibaldi si preparano ogni settimana pasti caldi per i poveri della stazione. I frati francescani del convento insieme ad un gruppo di circa 30 volontari portano avanti il progetto ‘Fa Bene il Bene’, preparando pasti e bevande calde e distribuendo per strada coperte e piumoni a chi è in difficoltà”.

Alla materiale consegna delle pizze ai più bisognosi collaboreranno anche i rider della piattaforma “Panaroo App”.

Il “cippo” del “focarone”sarà acceso alle ore 19,00 in punto. I pizzaiuoli dell’Associazione, invece, saranno lì già alle ore 17:00 per preparare le 300 pizze che saranno consegnate ai bisognosi la sera stessa.

I principali appuntamenti della giornata

E allora ancora di più per quest’ anno “Sant’Antuono caccia ‘o viecchio e trase ‘o nuovo”

Valentina Castellano 

Un articolo di Valentina Castellano pubblicato il 14 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 14 Gennaio 2021

Articoli correlati

Identità | 24 Gennaio 2021

“Frattamaggiore terra di camorra”, la storia del pizzaiuolo Ciro umiliata dal mainstream nazionale

Agroalimentare | 20 Gennaio 2021

Frode di un caseificio spagnolo. Produceva finta mozzarella di Bufala. Denunciati dal “Consorzio” campano

Agroalimentare | 15 Gennaio 2021

LA PROTESTA

I ristoratori contro il DPCM: aperti anche dopo le 18:00. Ma in Campania la Fipe non aderisce