martedì 20 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Un anno senza eventi, un anno senza reddito: lavoratori dello spettacolo in piazza il 23 Febbraio

Diritti e sociale | 20 Febbraio 2021

Il  23 Febbraio sarà passato un anno senza eventi. Per il pubblico questo significa un anno con teatri chiusi e nessun concerto. Invece per i lavoratori dello spettacolo significa una sola cosa: un anno senza lavoro e senza reddito.

Per far fronte alle pochissime politiche di sostegno ad un settore ormai abbandonato a sé stesso, i lavoratori dello spettacolo hanno indetto una manifestazione nazionale il 23 Febbraio alle ore 15, in presidio al Teatro Mercadante, Napoli. A indire la manifestazione i coordinamenti cittadini che fanno capo al coordinamento nazionale “Emergenza Continua”.

Le richieste dei lavoratori dello spettacolo

Il coordinamento nazionale dei professionisti di spettacolo e cultura “Emergenza Continua” chiarisce con un documento tutte le richieste dei lavoratori del settore:

Un anno senza lavoro, la vita di un lavoratore dello spettacolo

Ma come ha vissuto un lavoratore dello spettacolo dal 23 Febbraio 2020? «Lo Stato ha considerato che un lavoratore dello spettacolo medio potesse campare con poco meno di 5000 euro di aiuti economici per un intero anno» ci racconta Luca Iervolino, militante del Si Cobas Spettacolo: «Questo significa che ognuno è affidato alle sue risorse personali, poi c’è anche chi ha dovuto fare un altro lavoro ed è morto, come Adriano Urso, il pianista jazz di Roma colpito da un infarto mentre faceva il rider. Chi invece ha cominciato a fare debiti perché non aveva altro modo per sostenersi.»

Protesta lavoratori dello spettacolo

«La nostra manifestazione non sarà semplicemente dimostrativa.” sottolinea Luca Iervolino. Che spiega: «A Roma ci saranno dei lavoratori sotto Montecitorio, e nel frattempo presidi in oltre 20 città. Miriamo a fare pressione affinché la delegazione romana venga accolta per un tavolo interministeriale, soprattutto in presenza del ministero del lavoro. Noi puntiamo sull’intercategorialità, per saldare le lotte e creare un fronte unico.» conclude Luca.

Ciro Giso

Un articolo di Ciro Giso pubblicato il 20 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 22 Febbraio 2021

Articoli correlati

Diritti e sociale | 10 Aprile 2021

Protesta dei genitori dell’IC Madonna Assunta: “I nostri figli tra turni impossibili e Dad”

Diritti e sociale | 9 Aprile 2021

“Opera San Leonardo”, ad Aversa l’impresa sociale della Caritas gestita da senzatetto

Diritti e sociale | 27 Marzo 2021

Oltre la pandemia: Luigi, 15 anni, costretto in carrozzina a vivere da recluso