fbpx
domenica 31 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

UN ANNO SENZA PINO

Ecco che me ne faccio delle canzoni di Pino…

Cultura, Identità, Musica, NapoliCapitale, Speciale Pino Daniele, Storia | 4 Gennaio 2016

pino-daniele 4 gennaio

Quando il nostro direttore ci ha chiesto di scrivere, se avessimo voluto, qualcosa per il 4 gennaio anniversario della morte di Pino Daniele ero alle prese con la scrittura di un progetto che mi ha tolto un paio di notti di sonno.

Ero stanca e di corsa, anelavo l’arrivo del Natale solo per poter smettere per qualche giorno di saltare da un impegno all’altro, ero avvilita e ho pensato: “PASSO! Non posso impegnarmi in questi giorni devo riposare”

Ma inevitabilmente sono stata portata via dai ricordi… deve essere per quella scarica di endorfine che provoca l’ascolto della musica che ci piace e che ci aiuta a ricordare, a fissare le cose, ma per me Pino Daniele significa un sacco di ricordi.

Significa… le domeniche pomeriggio di una giovanissima ragazza vedova che metteva su i dischi di Pino per restare attaccata più possibile al compagno perduto.

Le note riempivano la casa arrivando nella stanzetta dove giocavo con mia sorella.

Mio padre aveva comprato quel disco nel ’78 stando a quello che c’era scritto sulla copertina, adorava Pino e per tutta l’infanzia l’ho immaginato mentre, seduto alla sua scrivania, ascoltava “Terra Mia” e appuntava sui suoi “famosi” diari i risultati di quelle ricerche che tante soddisfazioni gli davano all’università…

Pino significa… i pomeriggi passati al museo archeologico nazionale dove mi rifugiavo a studiare con l’arrivo della primavera.

Non c’erano mai troppi turisti al mattino e i corridoi erano silenziosi, avevo uno dei primi walkman a cd ed ascoltavo la musica ad un volume assurdo!

Pino significa… la prima ninna nanna cantata a mio figlio perché le filastrocche mi sembravano stupide…Era “mal di te” e lui si addormentava come un sasso quindi funzionava!

Pino significa la prima volta che ho scaricato musica da internet perché non potevo comprarmi il cd. Era uscito da poco “Mi chiamo Pino Daniele e vivo qui”.

Che delusione fu scoprire che il mio cantante non era per niente tornato a casa, alle sue origini, al suo sound ma si era perso nei meandri di chissà quale contratto discografico.

Pino significa… i miei viaggi in treno quando vivevo in Toscana, soprattutto al ritorno non potevo smettere di ascoltarlo. La consapevolezza che di lì a qualche ora nessuno avrebbe più parlato la mia lingua mi riempiva d’ansia.

Mia madre da piccole ci impediva di usare il napoletano e quando ho cominciato a farlo la sensazione di libertà che ne ho ricavato, mi ha dato un brivido che ricordo ancora.

Adesso Pino significa anche di più… significa la promessa che ho fatto a me stessa di non andare via da qua, confidando nel fatto che “un posto ci sarà” anche per me.

Mi dispiace non aver trovato parole diverse da queste, molto personali, per raccontare un’icona di Napoli, per rendergli omaggio.

Avrei voluto perdermi in una di quelle analisi pseudo- sociologiche di cui, invero, non sono capace, ma che tutti amano, per dimostrare che un artista è, soprattutto per ciò che scrive, e che ognuno traslittera come vuole, leggendo tra le righe appartenenze politiche, idea della società, senso religioso e perfino orientamento sessuale.

Io tra le righe non so leggere, e nel caso di Pino Daniele è tutto così chiaro! Lui ci ha raccontati in quanto napoletani, ed esseri umani e ognuno ne faccia ciò che vuole delle sue canzoni.

Io me le sono legate ai ricordi.

Simona Sieno

 

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DELLO SPECIALE DI IDENTITA’ INSORGENTI SU PINO DANIELE

 

 

 

Un articolo di Simona Sieno pubblicato il 4 Gennaio 2016 e modificato l'ultima volta il 5 Gennaio 2016

Articoli correlati

Cultura | 8 Maggio 2020

SPETTACOLO

On line i link per accedere ai fondi di emergenza per le arti performative

Cultura | 1 Maggio 2020

REPORTAGE

Nel mare di carta di Port’Alba, tra i librai che “navigano” controcorrente

Cultura | 26 Aprile 2020

L’INIZIATIVA

Artisti per Forcella: opere e foto in vendita per aiutare le famiglie in difficoltà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi