fbpx
domenica 31 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

UN ANNO SENZA PINO

I say tu staje cca e oggi ci manchi un po’ di più

Identità, Musica, NapoliCapitale, Speciale Pino Daniele, Storia | 4 Gennaio 2016

pino con tullio

Pino non è mai stato per me come gli altri cantanti, Pino non so quando l’ho scoperto e chi me lo ha fatto apprezzare.

Non so quando è entrato a fare parte della mia vita, non lo ricordo.

E non lo so perché Pino nasce dentro, Pino Daniele è endemico, te lo ritrovi sotto pelle, tra le vie del cuore e nella testa tra i mille pensieri, e non sai neanche tu come ci è capitato, lì, proprio lì, in quel momento a far da cornice a un attimo, a leccarti una ferita o a scrollarti di dosso ansie e frustrazioni.

Grazie alla sua musica, negli anni e anche dopo la sua scomparsa (che poi a pensarci, io non l’ho mai “perso”) ho creato legami, affinità e ho anche saputo chi poteva piacermi e chi no, perché diciamoci la verità: se nasci a Napoli e non ami Pino Daniele qualcosa non va.

Negli anni spesso si è stati polemici con la sua “nuova” musica, ci si arrabbiava proprio, come si fa con un familiare stretto, ci si sentiva traditi dall0 “Jammone” che non ci dedicava più canzoni come: “Quanno chiove” , “Ferryboat” “Anna verrà” o “Qualcosa arriverà”, io ero divisa a metà tra l’adorazione pura e controcorrente e la critica, perché certamente “Dubbi non ho” , “Stare bene a metà”e  ” Femmena” non ti scavavano dentro come “Sulo pe parlà” o “Notte che se ne va”, ma io comunque quelle canzoni “nuove”  le ho messe nella mia discografia del cuore e non trovo altra musica capace di accompagnarmi “in giro”, tra salite e discese, gioie e momenti bui, che non sia la sua.

E allora se mi manca l’attimo, se mi sento “sprecata” è subito “Viento ‘e terra”, quando sono nostalgica attacco con  “Quando”, se le cose devono cambiare non c’è rimedio migliore che “Keep on movin”, se le cose vanno bene mi carico con “Basta ‘na jurnata ‘e sole” quando sento la mia terra maltrattata e non capita l’unico antibiotico è “Napule è”.

E allora Pino, come è che se stai sempre qua ci manchi così tanto… e oggi un pò di più?

Viviana Trifari

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 4 Gennaio 2016 e modificato l'ultima volta il 5 Gennaio 2016

Articoli correlati

Identità | 19 Maggio 2020

SUGGERIMENTI

L’identità siciliana è molto più di una “fesseria”

Identità | 18 Maggio 2020

RIAPERTURE

Napoli riparte: immergiamoci nella bellezza di Caravaggio

Identità | 11 Maggio 2020

FEDE E LOCKDOWN

Santi Patroni di Pozzuoli, niente processione per San Gennaro e San Procolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi