fbpx
lunedì 23 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

Un nuovo (triste) cimitero per i basoli Vesuviani: scontro tra Comune e VI Municipalità

News | 31 Maggio 2018

NAPOLI, 31 MAGGIO – Non sembrano trovare pace gli ormai famosi e tanto vituperati basoli vesuviani della nostra città. Il Comune di Napoli ha infatti individuato nell’area sottostante l’ex strada statale 162 del Centro Direzionale il luogo idoneo dove alloggiare una parte della pavimentazione vesuviana recuperata nel corso degli anni durante i lavori di riqualificazione urbana. Una decisione che ha provocato la protesta degli amministratori  della VI Municipalità  (Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio), i quali, in una nota diretta a Palazzo San Giacomo, hanno precisato che l’area in questione è destinata a parcheggio per le auto e i bus in servizio presso l’adiacente Palazzetto dello sport “Palargine”, e che riveste un ruolo determinante soprattutto in occasione dei grandi eventi – tra i quali sono previste alcune gare delle prossime Universiadi.

Nella nota inviata al sindaco di Napoli e all’Assessore alle Infrastrutture Mario Calabrese, il Presidente della Municipalità Salvatore Boggia sottolinea che l’area è stata già in passato utilizzata dal Comune come deposito per i basoli rimossi da via Marina, e solo a seguito di numerose e sentite proteste dei cittadini fu alla fine sgomberata. La “Guerra dei Basoli”, come è stata ribattezzata dai comitati napoletani, minaccia giorno dopo giorno la storia e l’identità secolare della città partenopea, un vero e proprio scippo della memoria propinato alle future generazioni e destinato a consumarsi inevitabilmente sotto gli occhi di tutti. Buona parte della pavimentazione lapidea vesuviana è stata in questi anni sostituita da quella etnea, guastando – di conseguenza – quella nobile pavimentazione che caratterizza e impreziosisce da oltre tre secoli il centro storico di Napoli.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 31 Maggio 2018 e modificato l'ultima volta il 31 Maggio 2018

Articoli correlati

Imprese | 17 Novembre 2020

RISTORAZIONE

Nasce “Racconta food”: il Qr-code con la voce di pizzaioli e chef per abbattere le distanze

Arte | 13 Novembre 2020

NEAPOLITAN REPUBLIC

Il “panaro solidale” ispira la nuova opera dello street artist napoletano Iabo

Attualità | 12 Novembre 2020

LA RIFLESSIONE

Le immagini del Cardarelli e le colpe dell’informazione. A cosa è servito quel video?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi