sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Unire Bacoli a Procida: la Linea Flegrea della Cultura per collegamenti integrati tra isole e area flegrea

Molo di torregaveta da cui partirà la linea flegrea della cultura
Infrastrutture e trasporti | 27 Gennaio 2021

Aperto il tavolo di lavoro per la Linea Flegrea della Cultura, un nuovo itinerario di mobilità integrata che colleghi Bacoli e le isole flegree. Le amministrazioni comunali di Bacoli, Procida, Lacco Ameno e Forio hanno elaborato una proposta, sottoposta all’attenzione della Regione, per la creazione di una nuova mobilità integrata via ferro, via gomma e via mare nell’area di interesse. Gli obiettivi perseguiti sono quelli dell’efficienza, sostenibilità e qualità della vita per promuovere un aumento dell’offerta turistica sia delle isole che della terraferma flegrea.

I percorsi della Linea Flegrea della Cultura

La principale novità della proposta è l’introduzione di un nuovo collegamento marittimo tra i comuni di Bacoli, Procida e Lacco Ameno per il trasporto passeggeri. Il collegamento via mare andrebbe a mettersi in rete attraverso un sistema di collegamenti su gomma e ferro delle aree urbane interessate.

Questa via del mare andrebbe a sviluppare una serie di percorsi turistico-culturali, mettendo in contatto siti con la stessa rilevanza storica, archeologica e paesaggistica. Questi i percorsi:

Una nuova via del mare

La nuova linea Flegrea della Cultura partirà dal molo di Torregaveta, un ponte ideale e concreto verso Procida, la Capitale Italiana della Cultura del 2022, e i comuni dell’isola d’Ischia. Questo è infatti uno snodo fondamentale per la mobilità integrata, trovandosi al terminale della linea su ferro della Cumana e al centro di diverse linee su gomma (Torregaveta-Fusaro, Torregaveta-Napoli, Torregaveta-La Schiana e del segmento della prevista linea della cultura Torregaveta-Acropoli Cumana).

Da qui, il collegamento marittimo sarebbe comodo, facile e conveniente visti gli esigui tempi di percorrenza e i costi sensibilmente ridotti rispetto ad altre linee. Le corse previste sono tre giornaliere di andate e di ritorno, da prevedere tra mattina, primo pomeriggio e sera. La linea marittima andrà da Torregaveta verso l’isola di Procida e, da qui, verso Lacco Ameno e quindi verso Forio.

Una proposta di mobilità integrata

La proposta servirà a sollecitare la Regione sul rilancio delle vie del mare, che siano integrate in una proposta sistemica di collegamenti sia marittimi che terrestri che possano coprire le reali esigenze dell’utenza attuale e potenziale.

L’approccio suggerito è di tipo integrato, considera cioè l’interazione tra veicoli, reti, infrastrutture insieme alle relative modalità di fruizione dei servizi di trasporto da parte di persone e soggetti economici.

I Sindaci dei comuni coinvolti hanno quindi deciso di istituire un tavolo permanente di gestione e monitoraggio, sia nella fase di sperimentazione iniziale sia nell’esercizio, coinvolgendo dipendenti e parti politiche.

Trasporti, bellezza, cultura, sviluppo e miglioramento della qualità della vita: c’è tutto questo in questa nuova via del mare.
I Campi Flegrei e le sue isole non si sono mai sentite così vicine.

Un articolo di Marica Mazzella pubblicato il 27 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 28 Gennaio 2021

Articoli correlati

Infrastrutture e trasporti | 14 Aprile 2021

Galleria Vittoria, arriva il dissequestro. Ma per il ripristino occorrerà almeno un anno

Infrastrutture e trasporti | 7 Aprile 2021

Capodimonte, riparte la linea 3M: porterà i napoletani a vaccinarsi

Infrastrutture e trasporti | 30 Marzo 2021

Linea 1, Napoli: realizzata la prima galleria tra Capodichino e Poggioreale