fbpx
martedì 26 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

VERSO IL 4 MAGGIO

Il Mibact vuole allargare la tutela Unesco anche a Stabia e Boscoreale

Senza categoria | 30 Aprile 2014

antiquarium boscoreale

I funzionari del Mibact titolari dei rapporti con l’0rganizzazione delle nazioni unite hanno inviato due diversi dossier che adesso sono al vaglio di Parigi per includere anche Stabia e Boscoreale nell’area sottoposta a tutela Unesco di Pompei, Ercolano e Oplonti e, parallelamente, per allargare la «buffer zone» dei siti vesuviani dal comune di Portici a quello di Castellammare di Stabia.

Il primo dossier è  il più ambizioso: si punta a una ridefinizione dell’area patrimonio dell’umanità ai piedi del Vesuvio, con l’inclusione dei siti minori di Stabia e Boscoreale, comunque rientranti nella giurisdizione della soprintendenza retta da Massimo Osanna. Ma secondo gli esperti occorrerebbe riformulare la candidatura complessiva dell’area archeologica vesuviana, piuttosto che proporre molto più semplicemente la ridefinizione dei suoi confini come ha fatto il Mibact.

Il secondo dossier ha l’obiettivo, invece, di ampliare la «zona cuscinetto» (buffer zone, appunto) che sta intorno ai siti estendendola a Portici e Castellammare, così da incrementarne il livello di tutela.

Se ne è parlato anche al Mav di Ercolano durante il seminario «Gestione integrata dei beni culturali e naturali del Patrimonio dell’Umanità» organizzato in collaborazione da Iccrom, Unesco World Heritage Centre, Iucn e il centro Herculaneum con il contributo dello Swiss Federal Department of Foreign Affairs. I partecipanti, provenienti da 31 Paesi diversi, hanno messo in luce la necessità di introdurre cambiamenti che favoriscano connessioni, coordinamento e sinergia a ogni livello, incluso il coinvolgimento della comunità locale. Si è parlato anche di includere il parco del Vesuvio nella ridefinizione dell’area Patrimonio dell’Umanità. Si tratterebbe del primo «World Heritage mixed site» per l’Italia.

E intanto si accorciano le distanze con il 4 maggio, quando il gruppo Pompeimia ha invitato la cittadinanza e non solo a stringersi intorno al sito. L’appuntamento è per domenica, appunto, dalle 10,30 in poi davanti all’ingresso principale del sito archeologico.

Gabriella Martini

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 30 Aprile 2014 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2014

Articoli correlati

Attualità | 25 Maggio 2020

RIFLESSIONI DI UN GIORNALISTA

Parte e vittima dell’infodemia: vi racconto il mio punto di rottura

Poesie Metropolitane | 17 Maggio 2020

Le poesie in napoletano dell’Associazione culturale Poesie Metropolitane

Senza categoria | 3 Maggio 2020

LA STORIA

L’aquila reale in Cilento e la Carta della Terra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi