domenica 15 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

VIABILITÀ

Napoli, terminati i lavori di via Acton, via De Gasperi e via Depretis

Infrastrutture e trasporti, NapoliCapitale | 20 Giugno 2019

È stata annunciata nella giornata di ieri attraverso un comunicato del Comune di Napoli la fine dei lavori su via Acton. In linea con i tempi preventivati – commenta l’assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti Mario Calabrese – è stato inoltre possibile arretrare l’area di cantiere a ridosso di piazza Municipio annessa alla realizzazione del collegamento tra la linea 1 della Metropolitana di Napoli e il Porto e ripristinare il tracciato originale della strada.

Il cantiere è stato sede di delicatissimi interventi di spostamento dei sottoservizi, tra cui lo spostamento dei cavi ad olio fluido gestiti dalla società Terna, a cui sono seguiti poi gli interventi di realizzazione di parte del tunnel di collegamento stazione-porto della metropolitana e del rifacimento del muretto del porto, secondo le autorizzazioni della Soprintendenza. Si continua a lavorare nelle aree del porto per proseguire il collegamento nel quale saranno visibili i reperti dell’antico molo del porto romano.

Gli interventi di via De Gasperi e di via Depretis

Nei tempi stabiliti sono stati ultimati anche gli interventi di via De Gasperi, via Depretis e via Marchese Campodisola, i cui lavori oramai non più procrastinabili per la sicurezza e la mobilità dell’intero bacino centrale, erano stati programmati sulla base dei controlli periodici nonché delle segnalazioni giunte alla Municipalità. Gli interventi hanno interessato il rifacimento dell’intero pacchetto stradale, il rifacimento e la risagomatura dei marciapiedi, l’integrazione delle alberature esistenti laddove mancanti (solo in via Depretis) e la risoluzione di alcune problematiche puntuali legati allo stato di conservazione dei sottoservizi esistenti. Una volta divelta la pavimentazione della strada – conclude Calabrese – è emerso un piano di appoggio instabile, compromesso dalle azioni accumulate nel tempo, dai tanti lavori sui sottoservizi e dai tanti condotti, chiusini e manufatti presenti. I lavori tutti sono stati eseguiti da Metropolitana di Napoli a ritmi serrati in soli 3 mesi.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 20 Giugno 2019 e modificato l'ultima volta il 20 Giugno 2019

Articoli correlati

Grand Tour | 8 Settembre 2019

GRAND TOUR

La Basilica di S. Restituta e il battistero di S. Giovanni in Fonte

Eventi | 7 Settembre 2019

BUFALA FEST

Le Centenarie incontrano i bambini della Fondazione Fabozzi per una domenica di pizza e solidarietà

L'oro di Napoli | 6 Settembre 2019

L’ORO DI NAPOLI

La leggenda di Spartacus: da Capua al Vesuvio contro l’esercito più potente al mondo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi