fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

“A chi appartieni” ecco il video dei Foja, colonna sonora de “La Gatta cenerentola”

Cinema, Musica, NapoliCapitale | 2 Settembre 2017

A chi appartieni è la canzone che ha accompagnato la genesi del lungometraggio di animazione “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone in concorso nella sezione “Orizzonti” nella 74sima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e in uscita nelle sale italiane dal 14 settembre. L’atmosfera vivida e passionale del brano incontra le immagini del film, dove un luminoso passato e un presente oscuro danzano vorticosamente per raccontare in nuovo modo una favola senza tempo.

Testo e musica: Dario Sansone
Produzione artistica: Dario Sansone, Daniele Chessa, Luigi Scialdone
Arrangiamenti: Foja
Registrato presso Trail Lab Studio di Napoli, da Daniele Chessa, assistente: Fabrizio Piccolo
Missato al Metro Studio di Gioia Tauro (RC), da Daniele Chessa, assistente: Francesco Galdieri
Masterizzato da Giovanni Versari a “La Maestà” Studio di Tredozio (FC)

Produzione esecutiva e Management: Luciano Chirico
Edizioni Musicali: Graf srl
Prodotto da Graf Srl
Pubblicato da Full Heads

Voce e chitarra acustica: Dario Sansone
Cori: Ilaria Graziano
Chitarra elettrica: Ennio Frongillo
Chitarra elettrica: Fabrizio Piccolo
Chitarra 12 corde: Luigi Scialdone
Basso: Giuliano Falcone
Batteria: Giovanni Schiattarella
Percussioni: Emidio Ausiello
Sax: Daniele Sepe
Organo: Antonio Fresa
Sezione Archi scritta e diretta da Enzo Fonicello
Primo Violino: Armand Putfuli
Secondo Violino: Domenico Mancino
Viola: Giovanni Navelli
Violoncello: Aurelio Bertucci

Montaggio: Alessandro Rak
Assistente al montaggio: Dario Sansone
Titoli e videografica: Marino Guarnieri

Si ringraziano Mad Entertainment e Rai Cinema per la gentile concessione delle immagini del film Gatta Cenerentola di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario Sansone

A chi appartieni

Te n’hanno luvato ‘e parole
pe’ chest’ nun me parle maje
e ‘mpietto m’he miso ‘nu core che sbatte e nun sape ‘e chi è
nunn’è ca me sento cchiù overo si piglio e me invento ‘na via
ma saccio ca n’omme è cchiù sulo si resta assettato a guardà

crireme dint’o suonno d’ajere
crireme nun sapevo che fa’?

vaco me ‘mbriaco e tengo mente
tutt’attuorno pare vierno
è ‘nu bene ‘stu dulore
rire sto ‘mpazzenno ‘miezo ‘a gente
sto sbagliando e so’ cuntento
nun me ‘mporta a chi appartieni
a chi appartieni

e ‘ncapa s’è miso ‘o penziero
che rende cchiù doce ‘e jurnate
pe’ l’uocchie oramaje sì mistero
ca nun me fa’ cchiù arraggiunà
nunn’è ca me sento cchiù forte
si piglio e me ‘nvento ‘na via
ma saccio che simme cchiù sule
si stamme assettate a guardà

veco chi pe’ te va’ jettanne ‘o tiempo
tutt’attuorno pare niente
è ‘nu bene ‘stu turmiento
rire sto ‘mpazzenno ‘miezo ‘a gente
‘sto sbagliando e so’ cuntento
nun me ‘mporta a chi appartieni
a chi appartieni
a chi appartieni
a chi appartieni

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 2 Settembre 2017 e modificato l'ultima volta il 2 Settembre 2017

Articoli correlati

Cinema | 7 Luglio 2020

AI QUARTIERI SPAGNOLI

“Estate a Corte”, alla fondazione FOQUS la rassegna cinematografica contemporanea

Cinema | 6 Luglio 2020

L’OMAGGIO

Fischiettare il Novecento: l’addio di Ennio Morricone

Cinema | 29 Giugno 2020

OSCAR PREDICTION

Per il 2021 Sophia Loren potrebbe ricevere l’Accademy Awards come miglior attrice

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi