fbpx
venerdì 10 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

Su Netflix i corti di 17 registi girati in quarantena. C’è anche Paolo Sorrentino

Cinema | 25 Giugno 2020

Sono 17 i registi e gli autori (ci sono anche alcune attrici che hanno partecipato con un loro lavoro) di Homemade, un’opera particolare che sarà disponibile alla visione o separatamente (durano dai 5’ ai 7’) o come un vero lungometraggio unico. Il tema è la vita durante la quarantena ed è prodotto da Lorenzo Mieli, che con Homemade battezza il nuovo marchio proprietà di Fremantle, The Apartment.

“Questo progetto è stato per noi una bella occasione per mandare un forte messaggio di unità e resilienza alla comunità creativa internazionale”, ha dichiarato Mieli. “Voglio ringraziare Netflix e tutti i registi per aver raccolto questa sfida e aver dimostrato che, persino in tempi così difficili, è possibile intraprendere strade mai battute prima ed emozionanti”.  E tra i registi c’è anche Paolo Sorrentino, secondo il quale Homemade “è stata una grande sfida per chi desidera narrare. Trovare nella propria casa, e senza nient’altro a disposizione una storia e dei personaggi mi ha fatto sentire come quando, da ragazzino, sognavo di fare questo lavoro”.

Le indicazioni per i registi, infatti, erano di utilizzare solo attrezzature che avevano a casa: tutto “home made” senza troupe ne budget.

Homemade sarà disponibile sulla piattaforma il prossimo 30 giugno, e una donazione in onore di ogni regista è stata fatta dal Fondo Globale di Netflix a organizzazioni e no-profit di terze parti che stanno fornendo supporto emergenziale alle maestranze dell’industria televisiva e cinematografica colpite dalla crisi.

Ecco tutti i corti presenti:

Ladj Ly (I Miserabili) – corto filmato a Clichy Montfermeil (Francia)

Paolo Sorrentino (La Grande Bellezza, The New Pope) – corto girato a Roma (Italia)

Rachel Morrison (Black Panther, Mudbound) – corto girato a Los Angeles, (USA)

Pablo Larraín (El Club, Jackie) – corto girato a Santiago (Cile)

Rungano Nyoni (Kuuntele, I am not a witch) – corto girato a Lisbona (Portogallo)

Natalia Beristáin (She does not want to sleep alone) – corto girato a Mexico City (Messico)

Sebastian Schipper (Victoria, Roads) – corto filmato a Berlino (Germania)

Naomi Kawase (True Mothers, Sweet Bean) – corto girato a Nara (Giappone)

David Mackenzie (Hell or High Water, Outlaw King) – corto filmato a Glasgow (Scozia)

Maggie Gyllenhaal – (Lontano da qui / The Honourable Woman) corto girato in Vermont (USA)

Nadine Labaki & Khaled Mouzanar (Caramel, Capernaum) – corto filmato a Beirut (Libano)

Antonio Campos (The Devil All The Time) – corto filmato a Springs, New York City (USA)

Johnny Ma (Old Stone; To live to sing) – corto girato a San Sebastián del Oeste, Jalisco (Messico)

Kristen Stewart – (Clouds of Sils Maria / Come Swim) corto filmato a Los Angeles (USA)

Gurinder Chadha (Sognando Beckham; Blinded by the light – Travolto dalla musica) – corto filmato a Londra (UK)

Sebastián Lelio (Gloria Bell, A Fantastic Woman) – corto filmato a Santiago (Cile)

Ana Lily Amirpour (A Girl Walks Home Alone at Night; The Bad Batch) – corto filmato a Los Angeles (USA)

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 25 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 25 Giugno 2020

Articoli correlati

Cinema | 7 Luglio 2020

AI QUARTIERI SPAGNOLI

“Estate a Corte”, alla fondazione FOQUS la rassegna cinematografica contemporanea

Cinema | 6 Luglio 2020

L’OMAGGIO

Fischiettare il Novecento: l’addio di Ennio Morricone

Cinema | 29 Giugno 2020

OSCAR PREDICTION

Per il 2021 Sophia Loren potrebbe ricevere l’Accademy Awards come miglior attrice

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi