mercoledì 21 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

Visioni Creative – Un Flash mob lirico

Visioni Creative | 14 Febbraio 2018

Anche il San Carlo cede al fascino della comunicazione alternativa attraverso un flash mob.

Un Flash Mob da Guinness dei primati quello che si è tenuto ieri all’interno della Galleria Umberto di Napoli. Ispirato al musical My Fair Lady, con cui il San Carlo celebra la sua prima produzione nel campo del musical. La performance ha visto protagonisti più di 1800 artisti, tra cui orchestrali, ballerini e  cantanti provenienti da licei musicali e coreutici di tutta la Campania.

Alla presenza del Sindaco De Magistris, sono arrivati con spartiti e strumenti in mano e hanno iniziato a suonare, cantare e ballare sulle note più famose di My Fair Lady, oltre 600 elementi, un corpo di ballo composto da oltre 80 ballerini e un coro di oltre 800 allievi, tutti provenienti dall’intera regione

Il flash mob nasce dal percorso Scuola-Alternanza Lavoro del Lirico, sostenuto da Generali Italia per coinvolgere i  ragazzi in un programma formativo con laboratori sulle arti e sui mestieri dello spettacolo.

Lucia Sciacca, Direttore Communication and Social Responsibility di Generali Italia  ha dichiarato: “Siamo molto contenti di collaborare con il San Carlo su progetti educativi dedicati ai ragazzi, che danno valore all’esperienza Scuola-Alternanza Lavoro con occasioni concrete di apprendimento. Con questo progetto manifestiamo, ancora una volta, la volontà di essere attivi e partecipi con le eccellenze italiane presenti al Sud: con il Teatro San Carlo condividiamo il convincimento che creare occasioni formative e di coinvolgimento dei giovani nell’arte e nella cultura rappresenti un elemento di crescita dell’individuo e di conseguenza di sviluppo delle comunità.

La cultura classica abbraccia nuove modalità di comunicazione, rivolgendosi ad un pubblico meno maturo. Il San Carlo parla ai giovani con i giovani e per farlo non usa i soliti mezzi di comunicazione. Interviene attivamente sfruttando anche il territorio, cercando di raggiungere non solo gli appassionati, ma anche chi scopre incuriosito forme di cultura apparentemente lontane, come l’accesso ad un teatro lirico.

Che sia il primo di una lunga serie…?

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 14 Febbraio 2018 e modificato l'ultima volta il 14 Febbraio 2018

Articoli correlati

Cultura | 29 Luglio 2019

ARGENTO DI NAPOLI

La Neapolis greca batteva conio quando a Roma si usavano pezzi di rame

NapoliCapitale | 17 Luglio 2019

PATTO PER NAPOLI

22 interventi per il Centro Storico. Si va dagli Incurabili a Palazzo Penne

NapoliCapitale | 15 Luglio 2019

L’EREDITA’ DELL’UNIVERSIADE

Napoli vince la sfida: ora si preservino i 70 impianti ristrutturati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi