giovedì 19 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

VISITE SERALI

Percorsi notturni per i siti di Pompei, Oplonti, Stabia e Boscoreale

Beni Culturali | 14 Agosto 2019

Tornano le aperture serali al Parco archeologico di Pompei e nei siti di sua pertinenza.

Si potrà visitare la zona del Foro di Pompei con un biglietto di ingresso di 5 euro, mentre la villa di Oplonti e l’Antiquarium di Boscoreale saranno visitabili a soli 2 euro. Gratis Villa San Marco sulla collina di Varano a Castellammare di Stabia.

Aperti dalle 20:30 alle 22:30 Pompei, Oplontis, Boscoreale e Stabia

Gli scavi di Pompei e la villa di Poppea a Oplontis  saranno aperti di sera ogni venerdì e sabato dalle ore 20,30 alle 22,30 (ultimo ingresso ore 22,00) dal 23 agosto fino al 28 settembre, la Villa S. Marco a Stabia dal 16 agosto fino al 21 settembre e l’Antiquarium di Boscoreale dal 6 settembre fino al 12 ottobre.

A Pompei le passeggiate notturne interesseranno uno dei luoghi più monumentali del sito, l’area del Foro, cuore della vita politica, religiosa ed economica della città antica, attraverso un percorso di suoni e luci che ha inizio da porta Marina. Oltrepassate le Terme Suburbane, poco fuori la cinta muraria e l’accesso dalla via del mare, le grida e le attività di artigiani e lavoratori provenienti dalle botteghe di via marina (la bottega del panettiere e il negozio di Furius), i rumori e le chiacchiere della padrona di casa nella Domus di Trittolemo, i suoni e le voci che accompagnano e raccontano i ludi (giochi) in onore di Apollo nel Santuario omonimo, e ancora il ritmo dei tamburi e delle musiche delle sacre cerimonie di culto per Giove, al Capitolium (o Tempio di Giove), la confusione del Mercato (il Macellum) e le attività dei fulloni (i lavandai) presso l‘Edificio di Eumachia, scandiscono le tappe di questo viaggio nel passato. Dopo la Basilica, l’antico palazzo di Giustizia, l’itinerario si conclude, uscendo dal Tempio di Venere, con la visita all’ Antiquarium e ai reperti esposti nelle mostre in corso. L’ingresso per le visite notturne sarà quello di Porta Marina.

Ad Oplontis le visite serali alla Villa di Poppea, tra i più splendidi esempi di villa dell’aristocrazia romana, attribuita a Poppea Sabina, moglie dell’imperatore Nerone, e all’Antiquarium di Boscoreale, con i suoi numerosi reperti, testimonianza della vita e dell’ ambiente dell’epoca romana nell’agro Vesuviano, hanno il costo di soli 2 €.

Arricchiscono la visita ad Oplontis itinerari tematici, in programma: il 23 agosto “I miti nelle pitture oplontine” con illustrazione, attraverso letture di brani di autori classici, dei miti evocati nelle decorazioni parietali della Villa di Poppea, il 31 agosto “La medicina nel mondo antico” con letture di brani e testimonianze storiche dedicate al tema, il 6 settembre Maschere e teatro (con letture di testi plautini), il 14 settembre La musica nel mondo antico (con intermezzo musicale), il 20 settembre Vetri, porte e finestre nelle domus romane, il 28 settembre Sport e terme nell’antica Oplontis (con presenza di rievocatori storici). I visitatori saranno accompagnati gratuitamente dai soci dell’Archeoclub d’Italia – sede di Torre Annunziata. Gruppi alle ore 20:30 e 21:30.

A Stabia, infine, sarà possibile visitare gratuitamente Villa San Marco illuminata per le “Noctes Stabianae“. Una passeggiata suggestiva in una tra le più grandi ville romane residenziali, con i suoi 11mila mq, posta in posizione panoramica sulla collina di Varano, a Castellammare di Stabia.

L’accesso ai percorsi notturni non richiede prenotazione.

BIGLIETTO DI INGRESSO PASSEGGIATE NOTTURNE:

POMPEI: 5€

OPLONTIS: 2€

ANTIQUARIUM DI BOSCOREALE: 2€

STABIA-VILLA S. MARCO: INGRESSO GRATUITO

Susy Martire

 

 

 

 

Un articolo di Susy Martire pubblicato il 14 Agosto 2019 e modificato l'ultima volta il 15 Agosto 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 18 Settembre 2019

BUONE NOTIZIE

Carminiello ai Mannesi, recupero e valorizzazione turistica dopo il degrado

Beni Culturali | 10 Settembre 2019

BUONE NOTIZIE

Riapre Carminiello ai Mannesi: come e quando visitarlo

Beni Culturali | 6 Settembre 2019

VILLE VESUVIANE

Villa Orsini di Gravina e l’Istituto Landriani di Portici: tra storia e degrado

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi